14 novembre 2007

Biscottini per cow boys !!!

Eccomi dopo un po' di assenza!!!
Ultimamente sono presa da mille cose, pur continuando a sperimentare da folle in cucina. Ma ho visto con piacere che molti di voi avete risposto alla mia domanda sul metodo di approccio che ognuno ha nel preparare un piatto.

La parola "pasticciare" (o in un termine un po' piu' trendy "fusion") e' uscita fuori spesso, ma fortunatamente pare che sia un pasticcio buono quello che ne esce! Fondamentalmente le ricette di libri, internet o tv vengono prese come spunto o imitazione, per il resto "viva la creativita'" (qualcuno a caso, gli Scribacchini per es., parlerebbero di "organizzare un tradimento" ai danni delle ricette altrui) e soprattutto di grande aiuto il frigorifero. Del resto, coi tempi che corrono, non si butta via niente e ben venga quello che abbiamo gia' in casa, piuttosto che spendere una cifra pur di replicare una ricetta alla lettera! Non dimentichiamoci che non tutti amano determinate spezie o sapori o ingredienti, quindi molte modifiche sono in parte giustificate anche da gusti personali.
L'uso di cavie e' dunque giustificato: mica possiamo mangiare tutti i nostri esperimenti! Riusciremmo del resto ad essere imparziali? Chissa'... ma di fronte ad una faccia non proprio felice, si capira' che quella ricetta non e' stata un vero successo, anche se l'amico gentilmente cerchera' di trovare un aggettivo carino per descrivere cioe' che sta tentato di deglutire a fatica!!!!
Interessante l'abitudine di scrivere un commento vicino ad una ricetta sperimentata, cosi' da ricordarsi di starne alla larga o meno la prossima volta! Oppure di segnarsi a parte le ricette collaudate, in modo da poterle riprodurle ogni qualvolta servano. Un altro consiglio utile, quello di pulire subito, man mano che si prosegue nella preparazione, dopo aver sporcato in cucina.
Allora cosa determina il successo di una ricetta? Concordo con Marinella nel dire "Il trucco credo sia quello di riuscire a visualizzare il risultato finale."
Non c'e' bisogno dunque di sentirsi in colpa se proprio non riusciamo a riprodurre pari pari la ricetta di un nostro amico blogger o di quel famoso chef o di una rivista. Troppi fattori intervengono, in primis la creativita'!!!
Ora, vi chiederete, tutto questo da dove e' nato?
Dall'esigenza di creare qualcosa che potesse colpire ... una folla!!!
Si' perche' sabato scorso ho avuto la "brillante" idea di partecipare ad un chili cook-off (di cui vi diro' nel prossimo post) ed, insieme al chili – piatto incontestato della serata – avrei dovuto presentare un side dish.
Io ho pensato di portare dei biscotti, sia perche' piu' facili da trasportare, sia perche' se pure li avessi preparati con giorni di anticipo si sarebbero mantenuti bene. Dovendo decidere un tema per il team, ho deciso di puntare sui cowboy, soprattutto dopo aver scovato nel mio cassetto delle formine dei biscotti, un tagliabiscotti a forma di stivale ed uno a forma di cappello da cowboy, che avevo acquistato chissa' quando!!!
Sono partita da ricette trovate nel mio archivio, ho apportato lievissime modifiche (erano ricette di cui gia' conoscevo la validita', avendole fatte precedentemente... eh si' in questo caso non potevo rischiare essendoci una competizione di mezzo, gia' ho dovuto inventarmi un chili di sana pianta!!!) e poi il resto e' venuto da se'. Non ho usato una semplice pasta frolla, perche' sapevo che questi impasto mi avreebbero dato una colorazione simile al colore del pelle per gli stivali e alal stoffa del cappello; inoltre gli ingredienti sono tipici autunnali. Ecco il risultato:




Ed ecco le ricette:

Stivali alla cannella e nocciole:

50 g di nocciole tostate e macinate
200 g di burro
300 g di farina
150 g di zucchero 1 cucchiaio cannella
2 uova
pizzico di lievito per dolci e pizzico di bicarbonato di soda

Lavorate il burro con la farina, poi aggiungete lo zucchero, la cannella e le nocciole tritate. Unite i tuorli delle uova e mescolate finchè la preparazione non risulterà omogenea; l'impasto vaw messo in frigo per un paio di ore.

Spianate l'impasto su di una superfice infarinata ad uno spessore di circa mezzo cm, tagliate i biscotti nella forma preferita e metteteli nella placca da forno ben unta ad una certa distanza l'uno dall'altro. Cuocete in forno a 220° per 15 minuti finchè non saranno dorati.
Per decorarli ho usato pasta di marzapane e glassa di zucchero.



Spicy gingerbread hats


113 gr burro morbido
1 tazza di zucchero melassato (brow sugar)
1 uova
½ tazza di melassa
3 tazze di farina setacciata
½ cucchiaino di bicarbonate di soda
¼ cucchiaino di lievito per dolci
2 cucchiaini di polvere di zenzero
2 cucchiani di cannella in polvere
¾ cucchiaino di chidi di garofano macinati
½ cucchiaini di pepe nero macinato fresco
¾ cucchiaino di sale
1 cucchiaio di estratto di arancia

Sbattete lo zucchero col burro. Aggiungetevi le uova e la melassa. Mescolate a parte farina, spezie, sale, soda e lievito e aggiugnetelo lentamente al compost di uova e burro. Mescolate bene. Il composto sara' piuttosto soffice. Raccoglietelo, incartatelo con pellicola e mettetelo in frigo per alcune ore.
Preriscaldate il forno a 170 C. Stendete la pasta tra due fogli di carta oleata o aiutandovi con pochissima farina (il metodo che vi risultera' piu' facile), tagliatelo nelle formine scelte ed infornate per 8-10 minuti (non devono diventare troppo scuri). Fateli raffreddare e poi decorate.

Nota: questa e' la ricetta classica di Martha Stewart per fare i biscotti che vanno appesi all'albero di Natale. In questo caso, volendo, fate un buco piuttosto grande (perche' cuocendo si restringera') su un lato dei biscotti., per poterci mettere il nastro dopo cotti.
Nel mio caso, ho preferito fare un buco al centro, per evidenziare la forma del cappello, e per dargli un tocco di colore ho aggiunto dei pezzi di caramelle colorate al centro, che sciogliendosi hanno creato un effetto colorato. Poi con la glassa d izucchero ho rifinito i bordi.

15 commenti:

  1. Cara Imma... rispondo qui al tuo quesito sul "modo di cucinare"... e ne approfitto per farti i complimenti su questi biscottini... FANTASTICI!

    Anche io gironzolo qua e la tra i blog e i miei libri di cucina per preparare un piatto... ma vado molto anche di estro e fantasia...e mi piace pensare che l'assolutà libertà rende un cuoco GENIALE!

    una cosa che mi piace tanto fare è fare la spesa al mercato e ispirarmi lì con ricettine varie...e non lavorando posso dedicarmi giornalmente a questo SPORT!
    ^__^

    Baci

    RispondiElimina
  2. Che biscotti fantastici! Sono originalissimi!!! Mi piace molto l'idea dei pezzi di caramelle che sciogliendosi creano quel bellissimo effetto!

    RispondiElimina
  3. Grazie Cuochetta dei complimenti e del tuo intervento. anch'iospesso mi ispiro ai prodotti del mercato, soprattutto quando non ho proprio idea di cosa cucinare!!!!

    Grazie Jelly! Ho visto i tuoi magnifici oli profumati; sono proprio da rifare!

    RispondiElimina
  4. è straordinaria la tua capacità d'inventare nuove cose da ricette esistenti !! bravissima

    RispondiElimina
  5. solo un saluto che e' da tanto :)

    RispondiElimina
  6. Che carini! Sono originalissimi. Ma hai progettato la forma addirittura con il disegno?... Ecco, queste cose mi stupiscono, le considero una forma d'arte... io non arriverei neanche a pensarle!
    Complimenti, sei bravissima!

    RispondiElimina
  7. Grazie Giovanna! Cerco di creare qualcosa di sdiverso, non mi piace conformarmi!!!

    ciao non si sa mai! Chep iacere sentirti! Un abbraccio

    Anna, no!!! magari!! ho lo stampino ma e' solo la forma, cosi' ho cercato di dare un "volto" piu'reale attraverso pasta id mandorle e glassa

    RispondiElimina
  8. Lo sapevo io che avevi qualcosa di questo tipo in mente..l'ho capito dal disegnino..ma non pensavo che ti uscissero dei gioiellini..ma poi li hanno mangiati tutti tutti??

    RispondiElimina
  9. Ciao Imma,
    il tuo blog è sempre più bello!
    Questi stivali sono bellissimi...proprio Texani!
    Baci

    RispondiElimina
  10. Sono bellissimi!! Il cappello poi dice MORDIMI..brava, il tuo lungo lavoro dietro questi piccoli capolavori ha "sfornato" un ottimo risultato!! Mi dispiace che l'arrivo del Natale non ti entusiasmi, ma sono sicura che riuscirai a creare una magica atmosfera con chiunque ti circonderà in quei giorni di festa! Un bacio Elga, mamma3

    RispondiElimina
  11. Sono bellissimi Imma! Sei stata bravissima a riprodurre con la pasta il colore degli stivali!

    RispondiElimina
  12. Troppo carini...quanto mi piacciono sti biscotti!!!
    baci

    RispondiElimina
  13. Elisa... non solo li hanno mangiati, qualcuno se li e' portati a casa per appenderli nell'albero di Natale!!!!

    Saffron... grazie di cuore, del resto il Texas dopo un po' ti conquista!

    Elga grazie di cuore!

    Giu & Cat: dopo tuttew le riviste e i libri che ho comprato, meno male ho imparato qualcosa!

    Marcella.. grazie e bella la tua ricetta del rosolio di pistacchi!

    Rossella: grazie e un bacio!

    RispondiElimina
  14. Belli questi biscotti e bella anche la forma...complimenti Imma...baci

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails

That's us!