15 dicembre 2007

Ciambelle di patate dolci

In questo periodo, tra Thanksgiving e Natale, ogni supermercato abbonda di alcuni prodotti ben specifici, che saranno presenti sulle tavole di ogni famiglia americana durante i vari festeggiamenti. Mi riferisco, in particolare, a mirtilli rossi, meglio noti come cranberries, le patate dolci, dette yams, i cavoletti di bruxelles, i fagiolini, nonche' interi prosciutti, tacchini e arrosti vari per imbandire propriamente una tavola festiva (nota personale: il menu' sia di Natale che di Thanksgiving non solo e' lo stesso per entrambi i pranzi, ma non cambia di una virgola anno dopo anno!!!).

Spesso, vedendo prodotti freschi sui banconi del supermercato, prendo ispirazione per creare qualcosa di nuovo o di diverso almeno. Questa volta ho voluto usare degli ingredienti "locali", per sconvolgere una ricetta tradizionale di Napoli: le graffes, ovvero le ciambelle fritte fatte con le patate.

Ho fatto la versione col buco e la versione ripiena. Ovviamente il ripieno non poteva essere che.. cranberry sauce!!!!

IMG_0212

Ingredienti

500-600 gr patate dolci

500 gr farina, piu' quanto altro se ne assorbe

2 uova

1 cucchiaino di lievito di birra disidratato (o 1 cubetto fresco)

pizzico di sale

2 cucchiai zucchero

scorza o estratto di limone

100 ml latte tiepido

3 cucchiai di burro sciolto

cranberry sauce, q.b.

Per finire: zucchero semolato e cannella mescolati insieme, q.b.

Lessate le patate e schiacciatele - con lo schiacciapatate - ancora calde.
Sulla spianatoia fate a fontana il passato di patate e la farina (partite da un 500 gr), mettete nel mezzo il burro fuso, le uova, lo zucchero, la scorza grattugiata di un limone e un pizzico di sale.
Lavorate bene l’impasto, aggiungendo quanta farina occorre, finché la pasta sarà soda e si staccherà dal piano di lavoro, fatela a pagnotta e mettetela a lievitare in luogo tiepido almeno per un’oretta. Stendetela con il matterello allo spessore di un centimetro, tagliatene con il tagliapasta o con un bicchiere dei dischetti piuttosto grandi. Ad alcuni con un tagliapasta piu' piccolo, tagliatene il foro centrale cosi' da ottenere delle ciambelle (la parte del buco restante, io la friggo ottenendo i buchi di ciambella fritti!!!!)
Sulla meta' dei dischi senza il buco, mettetevi al centro un po' di cranberry sauce, poi Sovrapponetevi un altro disco e sigillate bene i bordi, affinché non si aprano durante la cottura. Fate lievitare di nuovo finche' raddoppiano di volume.
Friggete in abbondante olio a fiamma bassa, rivoltando spesso le graffe con una paletta bucherellata. Appena gonfie, date fuoco vivo e fatele dorare.
Mettetele via via su un foglio di carta paglia per eliminare il grasso eccedente e spolverizzatele di zucchero semolato e cannella.

Graffe” deriva da “Krapfen”, che a sua volta prende nome dalla fornaia – pasticciera austriaca Veronica Krapf, inventrice di una frittella rotonda, rigonfia, portante al centro un cucchiaino di marmellata (di solito, nel Napoletano, si usa della confettura di amarene).

Technorati Tags: ,,

15 commenti :

  1. Sono meravigliose! Null'altro..:))Elga

    RispondiElimina
  2. Le vedrei tanto bene sulla mia tavola, domani mattina...

    RispondiElimina
  3. Mi piace fare la composta di cranberries. Tra qualche giorno arrivano da me i miei genitori e la farò per le nostre colazioni.
    A presto!

    RispondiElimina
  4. Immaaaaaaaa.. sto girellando sui blog dal lettino (mi regalo qualche minuto di pace) ma tu mi vuoi morta vero con questo post!!!??????? :-PPP
    Salivazione galoppante!
    W le tradizioni USA!
    bacioni
    Sandra...untoccodizenzero

    RispondiElimina
  5. e no! e no! questa la stampo subito.....così dovesse rimanere spazio durante le feste.....friggo un po!!
    mitica imma!!

    RispondiElimina
  6. IMMAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA sto morendo di fame!!!!!!
    Me ne lanci una per tipo?! con buco, senza buco e anche il buco... senti ma... se mangio solo "buchi" non ingrasso perchè sono buchi fritti quindi friggi il niente, quindi mangio un niente buonissimo senza sensi di colpa giusto?! (da "I-migliori-alibi-di-un'ingorda-sovrappeso-allegra-a-pancia"... il titolo del libro che scriverò a 40 anni) :DDDDD
    Un bacio grandissimo e Tanti tantissimi Auguroni di Buon Natale!

    RispondiElimina
  7. Complimenti per questa ricetta.E dire che da noi sono di casa questi dolcetti,tu sai come le chiamiamo? Graffiette e bomboloni ... La proverò sicuramente. Ciao da Daniela

    RispondiElimina
  8. Bellissime!!!! Io vado ghiotta di queste leccornie! Cat

    RispondiElimina
  9. Che buone!!! Assomigliano alle zeppole che si fanno da noi (= Sardegna) per carnevale :-)

    Ciao,
    Aiuolik

    RispondiElimina
  10. una di queste per merenda la vedrei proprio bene..passo a prenderla..
    ;))

    RispondiElimina
  11. evviva la vera ricetta lo sai che è anche una ricetta siciliana,che sicuramente ci deriva da qualche dominazione ,carlo 3? e quindi regno borbonico con molte princepesse e regine austriache ecc... smac@@@@

    RispondiElimina
  12. Ragazze grazie a tutte. Se venite dalle mie parti ve le faccio trovare pronte con un bel caffe'!!!

    RispondiElimina
  13. Che meraviglia Imma!!!!
    Sembrano buonissime e così soffici!
    Ho salvato la ricetta!! Aspetto le donuts americane poi!

    kusje ^.^

    RispondiElimina
  14. Buonissimi!!! grazie per la ricetta, un bacione :*

    RispondiElimina
  15. Che buone!!!
    Complimenti, ottimo sito!

    http://www.ricette-dolci-ricette.com
    http://www.le-ricette.it

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails