31 dicembre 2007

Buon Anno a Tutti!!!




Calannario


Mo accumencia l'anno nuovo, è Jennaro, ch'alleria! Cu 'a speranza e 'a fantasia, tu te pienze ca chist'anno forse è cchiù meglio 'e chill'ato... quanno è a fine t'he sbagliato.

A Febbraio nce sta 'o viglione: chi se veste d'arlecchino, pulcinella o colombina... e me fanno tanta pena chesti ggente cu sti facce: ma songh'uommene o pagliacce?!

Quanno vene 'o mese 'e Marzo pure 'e ggatte fanno ammore, ch'aggia fa? Me guardo a lloro? 'Mmiezo 'e grade cu 'a vicina, faccio un anema e curaggio e m'acchiappo nu passaggio.

Comme è ddoce 'o mese Abbrile, tutta ll'aria è profumata! P' 'e ciardine quanno è 'a sera cu na femmena abbracciata, musso e musso, core e core... tutta smania e tutto ammore.

Quant'è bello 'o mese 'e Maggio quanno schioppano sti rrose! Che prufumo int'a stu mese pe Pusiileco addiruso! Stongo 'nterra o 'mparaviso quanno tu staje 'mbraccio a mme?

Quanno è Giugno la stagione vene e trase chianu chiano: s'ammatura pure 'o ggrano, s'ammatura tutte cose... Pure 'a femmena scuntrosa tu t' 'a cuoglie cu nu vaso.

Quanno è Luglio 'mmiezo 'o mare, 'ncopp' 'a spiaggia, 'nterra 'a rena mamma mia, quanta sirene! Io cu ll'uocchie m' 'e magnasse; guardo a chesta, guardo a chella, ma pe mme tu si 'a cchiù bella!

Quanno è Austo che calore! lo nun saccio che me piglia... Chistu sole me scumpiglia! E te guardo cu passione: volle 'o sango dint' 'e vvene e nisciuno me trattene.

È chest'aria settembrina ca te mette dint' 'e vvene tanta smania 'e vulè bbene! Nu suspiro, ciente vase mille cose e 'o desiderio ca st' ammore fosse serio.

Vene Uttombre, int' 'a stu mese ll'aria è fresca p' 'a campagna. Chisto è tiempo d' 'a vennegna, si t'astrigne a na cumpagna zittu zittu dint' 'a vigna, nun se lagna e lass'a fà. Chiove, nebbia, scura notte.

Stu Nuvembre porta 'mpietto nu ricordo fatto a llutto: nu canisto 'e crisanteme... chistu sciore, che tristezza, mette 'ncore n'amarezza!

A Natale, 'o zampugnaro, 'e biancale, 'e spare, 'e bbotte, 'o presebbio a piede 'o lietto. Quann' è 'mpunto mezanotte cu mugliereta tu miette 'o Bambino dint' 'a grotta...



Toto' De Curtis

27 dicembre 2007

TRONCHETTO DI NATALE- BUCHE DE NOEL

Il tronchetto di Natale fa parte dei numerosi dessert natalizi, magari non proprio il piu' famoso per quanto riguarda la tradizione italiana, ma sicuramente ben noto al di la' delle Alpi ed oltreoceano.

Non si conoscono bene le origini di questo succulento dessert. E' certamente di origine francese e, per gli ingredienti usati (pan di Spagna, crema al burro, marzapane), bisogna risalire sicuramente alla meta' del 1800.

Si narra che, dopo che Napoleone I proclamo' la chiusura dei camini a Parigi durante l'inverno, gli chef francesi inventarono questo dolce per sostituire i tronchetti veri usati appunto nei camini, attorno ai quali si riunivano le famiglie durante le festivita' invernali per raccontarsi storie o scambiarsi regali.

La ricetta piu' comune prevede un pan di spagna farcito con crema al burro al cioccolato, ma col passare del tempo, le varianti sono diventate innumerevoli. Ognuno aggiunge il suo tocco personale, sia nel gusto, sia nella decorazione.

La mia variante nasce da un incontro ravvicinato al supermercato con una confezione di ripieno per cheesecake che non necessita di essere cotto (sto gia' pensando a come riprodurlo in casa!!!!). La tentazione di provarla e' stata forte e cosi' e' nato il "mio" ripieno per il tronchetto!!!! Si, non sara' 100% fatto "by scratch", ma il risultato e' godurioso!!!

IMG_0216

Pasta biscotto

6 uova

¼ + ½ cup zucchero

⅓ cup cacao amaro

3 cucchiai farina

1 ½ cucchiaino vaniglia

zucchero a velo (per arrotolare il dolce)

Ungere una teglia rettangolare con burro e foderare con carta da forno. Scaldare il forno a 180°C. Montare i bianchi a neve e unire il ¼ cup di zucchero. Montare i tuorli con il restante zucchero, unendo poi il cacao, la farina, la vaniglia fino ad ottenere un impasto omogeneo. Incorporare i bianchi lentamente e stendere il composto nella teglia. Cuocere per 15 minuti. Stendere lo zucchero a velo su un canovaccio morbido e pulito, rovesciarvi la torta appena sfornata. Piegare i lembi dal lato più lungo verso l’interno, poi quelli del lato più corto ed arrotolare dal lato lungo. Far raffreddare possibilmente su una gratella (in mancanza girare il dolce dopo mezz’ora). Srotolare il dolce e farcirlo con uno strato di ripieno per cheesecake e appoggiarvi delle amarene sopra. Riarrotolare e avvolgere con la carta argentata e porre in frigo a raffreddare per un’ora minimo.

Ripieno:

1 confezione da 600 gr di ripieno per cheesecake gia' pronto

amarene q.b.

Crema di copertura

montate 300 ml panna fresca con zucchero a velo (la quantita' dipende da quanto dolce la vogliate) e 3 cucchiai di cacao amaro.

Assemblaggio:

Tagliare in diagonale le due estremita' ed incollarle al tronchetto usando della crema di copertura. Spalmare completamente il tronchetto con il resto della crema al cioccolato e con la forchetta creare dei solchi, dando l'idea della corteccia. Decorare coi funghetti di meringa.Volendo, decorare coi funghetti di meringa.

Funghi di meringa:

2 albumi

1 punta di cremor tartaro

120 gr zucchero

Sbattere gli albumi, tenuti a temperatura ambiente, finche' diventano schiumosi. Aggiuggervi il creemor tartaro e sbatter ancora un po'; poi aggiungete a pioggia gradualmente lo zucchero e sbattete bene gli albumi finche' otterrete una meringa lucida e ben soda.

Con una sac a poche, formate le teste dei funghi e gli steli (che poi incollerete tra loro con del cioccolato fuso) ed infornate a scarsi 90 C per 1 ora e 15 minuti. Appena tolta dal forno, la meringa sara' gommosa e umidiccia all'interno, ma lasciata raffreddare diventera' croccante e asciutta.

23 dicembre 2007

Merry Christmas !!!

Cari amici vicini e lontani (e' proprio il caso di dirlo!!!), cari amici che mi seguite nelle mie peregrinazini culinarie e non, cari occhi silenziosi che leggete e timorosi non lasciate commenti, ai miei amici blogger indaffarati in cucina ora piu' che mai e a quelli che per un giorno hanno deciso di abbandonare i fornelli e godersi la tavola ... a tutti un augurio che il vostro Natale sia pieno di pace e amore, circondato dalle persone a voi piu' care (non importa se siete in due o in cento!!).

auguri di natale 2007-08

Forse mi affaccero' ancora su questa finestra prima dell'Anno nuovo, per darvi qualche ricettina prima che, riempite le mie valigie, mi goda per un po' l'aria di casa mia!!!

Dolce Natale aTutti !!!!

22 dicembre 2007

La giostra di Natale

Questo e' il mio omaggio al Natale americano! IMG_0069

Per le strade, nei negozi, nella case di amici, dovunque si vedono i colori festivi del Natale, si sente il profumo di cannella, chiodi di garofano, menta, zenzero. Cioccolato di ogni forma si affaccia sugli scaffali dei supermercati e omini di pampepati - vero o decorativi - spuntano dappertutto!

Natale qui e' veramente un'atmosfera magica, dove ti aspetti di veder per davvero spuntare Babbo Natale sulla slitta (ah dimenticavo, non particolarmente qui a Houston dove oggi siamo a 23 C e di neve non se ne parla proprio!!!)!

La torta che ho scelto e' la classica torta americana al cioccolato con crema al burro al cioccolato. Sapete quelel alte chesi vedono nei film e che e' impossibile fare col pan di spagna? Ebbene, sono anni che cerco di farne una decente e finalmente, non solo ho trovato una ricetta, anzi la ricetta perfetta (almeno per me), ma mi piace pure.! Solitamente non amo i dolci americani, perche' troppo dolci e troppo asciutti, soprattutto i dolci decorati. Pensate che di solito li servono col gelato perche' e' l'unico modo di ingoiare letteralmente ogni boccone!!!! Sono seria!!!!

Questa torta invece si presenta soffice, non necessita di essere inzuppata e si mantiene per giorni. Inoltre, non e' troppo dolce, perche' il cacao amaro compensa la quantita' industriale di zzucchero usato!!!

Ingredienti per 2 torte di 22 cm

IMG_0080

1 tazza di cacao amaro, setacciato

¾ tazza di caffe' lungo forte

1 tazza di latte

¾ tazza farina setacciata

1 cucchiaino di bicarbonato di soda

½ cucchiano di sale

340 gr burro morbido

2 ½ tazze zucchero

1 cucchiaino di estratto di vaniglia

4 uova a temperatura ambiente

 

Accendete il forno a 180 C.

Imburrate e spolverate di cacao 2 teglie (22 cm di diametro x 3,5 cm di altezza).

Sbattete il burro finche' diventa morbido e chiaro in colore. Aggiungetevi gradualmente lo zucchero e la vaniglia, facendo bene incorporare il tutto. Poi, aggiungete un uovo alla volta.

A parte, versate il caffe' bollente sul cacao, facendolo sciogliere ben bene. Mescolatelo al latte e versate - dopo averlo fatto raffreddare - nel composto di burro e zucchero.  IMG_0048

Infine, aggiungete a pioggia il resto degli ingredienti (mescolati insieme) e mescolate il tanto necessario per ottenere un composto omogeneo.

Dividete il composto tra le due teglie (QUESTO E' IL PRIMO TRUCCO PER OTTENERE LE MITICHE TORTE AMERICANE ALTE ALTE) ed infornate per 20-30 minuti. Fate sempre la prova stecchino!!!!

 

Ultimate Chocolate Frosting - Crema al burro al cioccolato

3 ½ tazze di zucchero a velo

1tazza di cacao

170 gr burro morbido

½ tazze di latte, a temperatura ambiente

2 cucchiaini di estratto a piacere (io ho usato estratto di menta)

Sbattere il burro finche' morbido e chiaro in colore. Aggiungere gradualmente lo zucchero e poi il cacao (entrambi accuratamente setacciati) e, infine, il latte e l'estratto. dovrete ottenere una crema al burro liscia e priva di grumi.

 

Assemblaggio:IMG_0084

Livellare le superfici delle torte; mettere la prima torta, (NON TAGLIATELA A META': QUESTO E' IL SECONDO TRUCCO PER OTTENRE LE TORTE ALTE ALTE DA FILM AMERICANI!!!!)  su un piatto da portata. Spalmarla con la meta' del frosting; mettere l'altra torta sopra il primo disco e coprire le due torte completamente con il frosting al cioccolato.

Volendo, decorare con gingermen cookies e candy cane alla menta! Incartare accuratamente e.. READY TO GO!!!!

 

Nota: Entrambe le ricette provengono da Martha Stewart's. La variante alla menta per il frosting, nonche' l'intero procedimento sono invece stati modificati da me.

Volendo, potete tagliare le due torte a meta' e fare dei dischi piu' sottili e tre strati di ripieno.

20 dicembre 2007

Ritratto di famiglia

Senza accorgermene, decorando decorando, mi sono ritrovata alla fine della produzione con l'intera famigliola di gingermen!!!!

IMG_0063

Questi biscotti fanno parte di un "progetto" - no, non e' quello che state pensando, non e' la casetta di pampepato!!!! - a cui sto lavorando. Domani si vedra'!!!!

La ricetta, comunque, la potrete trovare qua; l'unica differenza e' che invece di usare la tecnica "vetrata", ho decorato i biscotti con marzapane colorato.

Una cena tutta settentrionale

Dopo aver studiato con attenzione il post di Stefano di Manzotin sul bollito, aver avute le ultime dritte da Stefania (che mi ha telefonato dalla Florida) e aver preso ispirazione dalla ricetta di Viviana - Cosa ti preparo per cena, finalmente mi sono decisa.

Era da tempo che avevo in dispensa un bel barattolo di mostarda di Cremona, portatami dall' Italia dal mio amico Luca, e siccome qui fa sempre caldo non ho mai avuto occasione, ne' voglia di fare un buon bollito.

Finalmente un po' di freddo e' arrivato. E' tempo di spolverare il barattolo di mostarda e metterlo a buon uso.

IMG_0046

Ingredienti per 4-6 persone

1 kg brisket di manzo

700 gr di costine di manzo

700 gr di sovracosce di pollo

1-2 cipolle (su mezza cipolla ho "inchiodato" dei chiodi di garofano)

carotine e sedano a piacere

2 patate tagliate a pezzi

alloro e sale

Ho messo le verdure e gli aromi in acqua fredda e ho portato a bollore; a questo punto ho aggiunto la carne e ho fatto cuocere a fuoco lentissimo per 4 ore.

Come se non fossi ambiziosa o folle abbastanza da tentare il bollito, nella stessa serata, per la stessa cena, ho deciso di fare i tortellini da cuocere nel brodo del bollito.

E dite voi, qual e' il problema? Vedendo le "manone" del nonno di Giada, (l'autrice che ne ha messo ricetta con tanto di fotogrammi nel forum Cucina in simpatia), piegare quei 3x3 cm di pasta con tanto amore e con tanta facilita', pensavo che sarebbe stato un gioco (solo perche' ho le manine piu' piccole!!!). NO WAY!!!! Ci ho messo un secolo solo per fare 300 gr di tortellini per stasera. Pero' hanno un profumo meraviglioso e non vedo l'ora di papparmeli!!!

Ingredienti:

Per la pasta:IMG_0044

3 uova

300 gr farina di semola

1 cucchiaino di olio

Per il ripieno:

140 gr di brisket

90 gr prosciutto crudo

90 gr mortadella

90 gr parmigiano

1 uovo

noce moscata a piacere

Per il ripieno: ho macinato tutti gli ingredienti nel robot da cucina e con questo ho farcito - usando il ripieno a crudo - i tortellini.

Per il procedimento con foto passo passo vi rimando in Cucina in Simpatia, alla ricetta di Giada da dove ho preso dosi e l'ispirazione.

Preparazione finale: ho tolto la carne e le verdure dal brodo e le ho messe in un piatto da portata coperto da pellicola. Nel frattempo ho portato a bollore il brodo e vi ho cotto i tortellini.

Stefano -Manzotin nel suo post spiega che questo tipo di brodo verrebbe considerato "volgare" nell'alta cucina perche' troppo scuro, ma vi assicuro che il gusto e' ineguagliabile. Unico neo - nel mio caso - il brodo (penso per il tipo di carne che ho usato) ha rilasciato troppo grasso (da come si vede dalla foto). Magari al prossima volt, come Stefano suggerisce ancora una volta, lo provero' a filtrare dopo a ver aggiunto un albume sbattuto.

Il bollito l'ho servito poi con le verdure cotte e la mostarda di Cremona. Viviana mi dispiace non sono riuscita a fare la peara' per questioni di tempo!!!!

POSTILLA: Gli avanzi del bollito, poi, li ho fatti ieri, seguendo una ricetta che mia madre fa quando cucina il brodo di pollo: mettete a friggere delle patate a spicchi in olio di semi, quando sono quasi cotte, fate un "pozzetto" al centro della padella, fatevi rosolare uno spicchio di aglio tritato e aggiungetevi la carne bollita tagliata o sfilacciata grossolanamente. Fate cuocere finche' tutto si rosola per benino e poi spolverate con abbondante prezzemolo fresco tritato!

Ah dimenticavo, c'era anche il dessert... ma ve lo posto piu' tardi!!!

18 dicembre 2007

Tutto e' pronto...

... i tortellini per il consomme' li ho fatti.

IMG_0037

La carne e gli ingredienti per il bollito, o meglio la mia versione, sono pronti...

IMG_0040

Non e' facile che una ragazza del Sud come me metta su un piatto come il Bollito (a mio parere il re delle tavole italiane del Nord). Il verdetto a stasera, quando il mio amico Luca, originario di Busto Arsizio, mi dara' il responso. E a voi a domani per le ricette!!!!

Buon Compleanno Carmen!

Oggi la mia amica Carmen compie gli anni (e non vi dico quanti...!!!!).

Siccome ci siamo conosciute proprio tramite internet, in un forum di cucina ovivamente, non potevo non farle un augurio virtuale speciale. Lei capira' sicuramente.

Si discute a volte di quanto effimero possa essere internet come mezzo di relazioni sociali e di quanto sia poco affidabile in quanto a credibilita'. Eppure, come e' successo a me e a tanti altri amici blogger, spesso Internet puo' riservare delle piacevoli sorprese e farci conoscere delle splendide persone.

Tre anni fa, io ho conosciuto Carmen, "la mia gemella rapita dalla culla".

Oggi le voglio augurare, veramente come una sorella, di celebrare il suo compleanno, non come il trascorrere di un altro anno, ma come celebrazione della bella persona qual e', dolce, affettuosa, creativa, energetica, generosa.

Buon compleanno Carmen dal King e da me!

15 dicembre 2007

Ciambelle di patate dolci

In questo periodo, tra Thanksgiving e Natale, ogni supermercato abbonda di alcuni prodotti ben specifici, che saranno presenti sulle tavole di ogni famiglia americana durante i vari festeggiamenti. Mi riferisco, in particolare, a mirtilli rossi, meglio noti come cranberries, le patate dolci, dette yams, i cavoletti di bruxelles, i fagiolini, nonche' interi prosciutti, tacchini e arrosti vari per imbandire propriamente una tavola festiva (nota personale: il menu' sia di Natale che di Thanksgiving non solo e' lo stesso per entrambi i pranzi, ma non cambia di una virgola anno dopo anno!!!).

Spesso, vedendo prodotti freschi sui banconi del supermercato, prendo ispirazione per creare qualcosa di nuovo o di diverso almeno. Questa volta ho voluto usare degli ingredienti "locali", per sconvolgere una ricetta tradizionale di Napoli: le graffes, ovvero le ciambelle fritte fatte con le patate.

Ho fatto la versione col buco e la versione ripiena. Ovviamente il ripieno non poteva essere che.. cranberry sauce!!!!

IMG_0212

Ingredienti

500-600 gr patate dolci

500 gr farina, piu' quanto altro se ne assorbe

2 uova

1 cucchiaino di lievito di birra disidratato (o 1 cubetto fresco)

pizzico di sale

2 cucchiai zucchero

scorza o estratto di limone

100 ml latte tiepido

3 cucchiai di burro sciolto

cranberry sauce, q.b.

Per finire: zucchero semolato e cannella mescolati insieme, q.b.

Lessate le patate e schiacciatele - con lo schiacciapatate - ancora calde.
Sulla spianatoia fate a fontana il passato di patate e la farina (partite da un 500 gr), mettete nel mezzo il burro fuso, le uova, lo zucchero, la scorza grattugiata di un limone e un pizzico di sale.
Lavorate bene l’impasto, aggiungendo quanta farina occorre, finché la pasta sarà soda e si staccherà dal piano di lavoro, fatela a pagnotta e mettetela a lievitare in luogo tiepido almeno per un’oretta. Stendetela con il matterello allo spessore di un centimetro, tagliatene con il tagliapasta o con un bicchiere dei dischetti piuttosto grandi. Ad alcuni con un tagliapasta piu' piccolo, tagliatene il foro centrale cosi' da ottenere delle ciambelle (la parte del buco restante, io la friggo ottenendo i buchi di ciambella fritti!!!!)
Sulla meta' dei dischi senza il buco, mettetevi al centro un po' di cranberry sauce, poi Sovrapponetevi un altro disco e sigillate bene i bordi, affinché non si aprano durante la cottura. Fate lievitare di nuovo finche' raddoppiano di volume.
Friggete in abbondante olio a fiamma bassa, rivoltando spesso le graffe con una paletta bucherellata. Appena gonfie, date fuoco vivo e fatele dorare.
Mettetele via via su un foglio di carta paglia per eliminare il grasso eccedente e spolverizzatele di zucchero semolato e cannella.

Graffe” deriva da “Krapfen”, che a sua volta prende nome dalla fornaia – pasticciera austriaca Veronica Krapf, inventrice di una frittella rotonda, rigonfia, portante al centro un cucchiaino di marmellata (di solito, nel Napoletano, si usa della confettura di amarene).

Technorati Tags: ,,

12 dicembre 2007

Sangria al melograno

Ho preparato questa sangria poche settimane fa per il party di Natale e ho pensato di riproporvela in occasione del PRANZO DELLE FESTE preparato da Cuoca per caso & Coco.

La ricetta l'ho vista in tv fatta dallo chef Bobby Flay ed e' stato amore a prima vista. Copiata, memorizzata e fatta alla prima occasione, il party appunto!

Ho visto che altri amici blogger hanno postato delle squisitissime ricette, cha vanno dall'antipasto al dolce. E allora, eccomi con qualcosa con cui brindare!

Cin Cin a tutti!!!

pomegranate sangria (5)

Sangria al melograno

1 bottiglia di vino rosso fruttato (io ho usato un Rjoia - Spagna 2004)

1/2 litro di succo di melograna

125 ml cognac

125 ml triple sec (o altro liquore all'arancia)

70 ml sciroppo (acqua e zucchero in parti uguali)

1 arancia, tagliata a meta' e poi a fette sottili

1 mela verde, tagliata a quarti e poi a fette sottili

1 grappolo di uva rossa (tagliare gli acini a meta')

1 melograna (solo i semi)

Mettere tutti gli ingredienti in una brocca, coprire e metter in frigo epr almeno 4 ore. Io l'ho preparata il giorno prima e vi assicuro che era buonissima. volendo servire con ghiaccio.

Questa ricetta partecipa anche all'iniziativa diFrancescav "Aspettando Natale 2007".

Technorati Tags: ,,,,

Ringraziamenti

Vorrei ringraziare di cuore tutti voi che mi avete lasciato messaggi auguri sul blog. Mi avete veramente scaldato il cuore!

E so che molti si aspettavano la ricetta della torta, ma quest'anno non l'ho fatto, non ne avevo voglia per tanti motivi.

Eppure la torta non e' mancata!!! La mattina del mio compleanno ho ricevuto una sorpresa incredibile da una mia vicina e collega di Guido, Lisa, a cui mi sento molto legata: si e' presentata a casa mia con una torta cioccolattossissima, proprio lei che ODIA cucinare e che per cena prepara peanut butter and jelly sandwiches!!!!! Pur avendomi detto che ha usato i preparati in scatola Incredibile, non ha neppure usato il preparato in scatola per dolci!!!! Dire, quindi, che ho apprezzato il suo gesto e' poco: se ha significato tanto per lei applicarsi per fare una torta from scratch, per me non ha prezzo!

Siccome so di che torta si tratta, appena faro' la ricetta personalmente la postero' dedicandola a tutti voi!!!

Grazie di cuore Lisa!!!!

IMG_0015

Technorati Tags: ,

Cranberry sauce, ovvero marmellata di mirtilli rossi

E' rinomato che a Thanksgiving qui negli States si consumi il tacchino accompagnato dalla famigerata salsa di mirtilli rossi, che non e' altro che una marmellata o una composta di frutti.

IMG_0022Sara' che i mirtilli rossi si trovano prevalentemente in questo periodo dell'anno, ma ovunque si vedono queste palline rosse spuntare sui banchi delle verdure nei supermercati. Questo tipo di mirtillo e' molto aspro ed e' difficile che sia mangiato al suo stato naturale. Solitamente viene consumato sotto forma di succo, o essiccato da usare in dolci e pani oppure come composta o gelatina.

Per quanto molte persone arriccino il naso al pensiero della salsa di mirtilli come accompagnamento al tacchino, devo dire che il contrasto e' piacevole e risulta senz'altro piu' allettante se la salsa e' fatta in casa piuttosto che comprata in lattine.

Stranamente, non e' certo che la salsa di mirtilli sia stata servita con il primo Thanksgiving della storia americana, ma e' certo che e' un must sulla tavola della Festa del Ringraziamento come pure quella di Natale.

E pensare che anch'io facevo parte del gruppo degli snob!!! Poi ho iniziato a farmela in casa e da allora mi piace! E se penso a come l'ho imparata a fare, mi viene ancora da sorridere.

Era il mio secondo semestre ai corsi di Culinary Arts e la tv universitaria chiese al mio professore di fare un menu speciale per il Thanksgiving. Lui assegno' ad alcuni studenti di preparare un piatto tipico dell'occasione e a me capito' la salsa di mirtilli. Al che, di fronte alle mie ben fondate perplessita' (straniera che non sa nulla, ma proprio nulla - perche' a quei tempi non l'ha mai neppure mangiata - di salsa ai mirtilli), gli risposi che l'avrei fatta a modo mio, secondo quello che era il mio concetto di salsa ai mirtilli. E mi "inventai" questa ricetta. Poi, guarda caso, la cranberry sauce e' proprio una marmellata, ma non sapevo che la chiamassero sauce!!!! La parte piu' divertente fu la ripresa televisiva: io che spiegavo agli americani col mio forte accento italiano come fare la cranberry sauce!!!! Quando mi sono vista in tv, mi sono piegata in due dalle risate!!!! Devo ammettere, pero', che e' stata proprio la mia faccia tosta a permettermi di ottenere la mini laurea negli States, perche' fregandomene dell'accento e del mio inglese, mi sono tuffata a capofitto, facendo domande, interagendo quanto piu' potevo nell'ambiente, cercando di assorbire quanta piu' conoscenza della materia potevo.

Comunque, questa e' la mia versione e la faccio spesso e la conservo perche' ormai la uso per diverse altre ricettine che postero' presto!

1 kg di mirtilli rossi

2 tazze di zucchero granulalto bianco

2 tazze di brown sugar (zucchero arricchito di melassa)

succo e scorza di 1 arancia

cannella macinata a piacere

chiodi di garofano macinati a piacere

scorza di arancia candita a pezzettini piccolissimi (facoltativo)

cranberrry sauce (2)

Mettere tutti gli ingredienti in una pentola e far cuocere come se si facesse una marmellata.

La marmellata di mirtilli e' pronta quando i mirtilli esplodono. Se proseguite la cottura, la marmellata tendera' ad essere amara.

Invasare in vasi sterilizzati e conservare in luogo fresco e asciutto. Invece, conservare in frigo dopo l'apertura.

Technorati Tags: ,

8 dicembre 2007

Un altro anno e' passato...

... un altro lungo passo della mia vita e' trascorso. Ovvero, oggi e' il mio compleanno!!!

Non so cosa mi riserva il futuro, ma grazie alla dritta di Alinuska ho potuto scoprire qualcosa in piu' del mio passato remoto!!!!

Andate anche voi su questo sito per saperne di piu', ma intanto ecco il mio responso:

Chi eri nella tua vita passata? »

Ciao imma!

sei nato/a di Mercoledi ed hai esattamente ??? anni.

Il tuo segno zodiacale è Sagittariosagittarius

Maiale Maiale

Il tuo segno cinese è Maiale.

Il tuo albero celtico è Carpino.

Il tuo angelo custode è Imamiah.

La tua vita passata...

Non so cosa potrai pensare ma tu eri femmina prima dell'ultima reincarnazione. (Hai ragione, non so cosa pensare perche' dall'ultima reicarnazione niente e' cambiato!!!)

Sei vissuto nel 1200 in una zona che nel periodo moderno corrisponde all'incirca con il nord della Nuova Zelanda. (Cool!!!)

La tua professione era pescatore, mozzo, carpentiere (soffro il mal di mare, come e' possibile????)

Profilo psicologico della tua vita passata

Talento naturale dello psicologo, sai controllare le varie situazioni. Freddo, calmo in qualsiasi situazione. (siamo sicuri che si stia parlando di me???)

Lezione che devi aver imparato dalla vita passata

Il vostro problema è imparare, amare e fidarsi dell'universo. Siete adatti per pensare, studiare, riflettete, sviluppate la saggezza interna. (Devo aver preso proprio un brutto voto!!!!)

6 dicembre 2007

Facciamo un gioco per Natale?

IMG_0010

Non e' un MEME, ne' un concorso su internet, niente del genere!

Ma, ricollegandomi nuovamente alla proposta di FrancescaV "Aspettando Natale 2007", vorrei proporvi un gioco, al quale ho partecipato ieri su gentile invito della mia vicina. E' carino, aiuta a trascorrerre una bella serata e, volendo, risolverebbe il problema dei regali.

Titolo del gioco: Rubare o non rubare il regalo? In realta', qui lo chiamano White Elephant, ma non chiedetemi il perche'!?!?

Lo so il nome non sembra molto educativo, ma e' molto divertente.

In pratica, ogni partecipante al party deve portare 1 regalo e metterlo sotto l'albero senza scritte ne' segni di riconoscimento. Volendo, si puo' optare per una cifra da spendere (che non va superata) per un regalo o un tema. Ieri, per esempio, la festa alla quale ho partecipato, aveva tema una tazza da caffe' americano natalizia. Quelle nella foto sono quelle che io ho rubato per la mia collezione sui gatti. Ad ogni partecipante viene dato un numero, che corrisponde al suo turno di scegliere il regalo (che verra' aperto di fronte a tutti, in modo da far vedere il contenuto)

Ora ci sono delle regole:

1) quando e' il proprio turno, il giocatore puo' scegliere di prelevare un regalo da sotto l'albero o "rubare" il regalo ad un altro giocatore. Il giocatore col numero 1, siccome non puo' rubare ancora, ha la possibilita' alla fine di tutti i turni, di rubare o tenersi il regalo che ha.

2) un regalo puo' essere rubato max 3 volte (dopo che e' stato pescato la prima volta). Dopodiche' e' considerato "congelato" e nessuno puo' piu' toccarlo.

3) appena ad persona viene rubato il regalo, questa ha il diritto di prendere il regalo da sotto l'albero o rubare a sua volta e cosi' via. In pratica, non si prosegue con i turni numerati finche' tutte le persone a cui verra' rubato il regalo, non recuperano un regalo.

Scopo del gioco? se bisogna scambiarsi regali, questo e' un modo simpatico che evita di spendere un capitale, perche' invece di dover fare un regalo a tutti singolarmente, si puo' invitare membri della famiglia e non ad optare per una soluzione sicuramente piu' economica, ma soprattutto piu' divertente!

BUON DIVERTIMENTO!!!!

Falafel, ovvero polpette vegetariane di ceci

Questa ricetta fa parte del menu' di Natale di cui ho precedentemente parlato. La scrivo a parte pero' perche' merita un'attenzione un po' particolare, a mio avviso.

I falafel sono uno dei piatti piu' popolare nella cultura del Middle East: corrisponde al fast food americano o street food, quello che si compra agli angoli delle strade e si mangia tranquillamente passeggiando.

I falafel sono molto comuni in Israele, dove e' addirittura considerato piatto nationale, in quanto gli ingredienti sono inclusi nella Bibbia come cibo ebreo (i Palestinesi invece sostengono che sia stato rubato da loro!)

Controversia a parte, solitamente ingrediente principale sono i ceci, ma in Libano, epr esempio sono fatti con fave secche, magari con l'aggiunta di una manciata di ceci; mentre in Egitto si usano solo fave.

E parlando di Egitto, lo sapevate che esiste la versione mediorentale dell'hamburger di MacDonald? E non poteva se non chiamarsi McFalafel, ovviamente! Consiste di falafel, cipolle, lattuga, pomodoro, salsa tahini, il tutto racchiuso in un soffice bun (il panino degli hamburger)!

La ricetta che vi propongo e' una garanzia certa. Ancora una volta mi sono affidata ad Amici in cucina e questa e' la versione di chef Typone, un esperto della cucina mediorientale. Io ho solo modificato le quantita'.

IMG_0247

450g di ceci crudi (ammollati la notte precedente)

un bel mazzetto di prezzemolo sminuzzato

2 cucchiai d'aglio sminuzzati

3 cucchiaini da caffè colmo di cumino verde arabo o indiano in polvere

coriandolo/cilantro fresco sminuzzato

2 cucchiao da minestra di olio e.v.

poco sale

olio da friggere

Mettete i ceci nel frullatore e macinateli non troppo finemente (l’impasto non deve essere troppo compatto, in modo da permettere una cottura uniforme anch003e all’interno). Aggiungetevi il resto degli ingredienti fino ad ottenere un composto omogeneo, che non si sfaldi dopo avergli dato la forma di polpettine. Se avete il magico utensile (foto a destra) per farle, abbassate la levetta e riempite la cavita' livellandola bene con una lama piatta, poi rilasciate la levetta ed avrete un perfetto falafel! Nel caso il composto non fosse abbastanza compatto, aggiungete un po' d’acqua. Friggete le polpettine in olio bollente ed abbondante e servite calde.

Accompagnateli con salsa tahini. Questa la mia versione yogurtosa:

200 gr yogurt greco

1 cucchiaio abbondante di tahini (pasta di semi di sesamo)

1 cucchiaio di succo di limone

Sale q.b

Mescolare gli ingredienti tra loro facendoli ben amalgamare.

5 dicembre 2007

Hors d’oeuvres per buffet

Cari amici blogger e non, grazie della pazienza che avete dimostrato nell'attendere fiduciosi le ricette del party, di cui ho parlato nel post precedente.
Per il momento inizio a metterne alcune, le altre le sto ancora trascrivendo dai foglietti sparsi per tutta la casa! Comunque, per alcuni hors d'oeuvres non c'e' bisogno di ricetta. In particolare, mi riferisco alle tartine di salmone e uovo (non sono altro che fette di pane imburrato e decorato con salmone affumicato e uovo sodo e pomodorini canditi) e al piatto di antipasti misti.
Per altri vi rimando al link di post precedenti e successivi!!!!

Comunque le ricette sono tutte di facile esecuzione, si possono preparare 1-2 giorni in anticipo e cuocere all'ultimo momento.
Il GAME PLAN che ho seguito e' stato:

- mercoledi' pomeriggio ho preparato i baba', gli strufoli, le crostatine, la dip di spinaci

- giovedi' pomeriggio ho preparato i falafel, le empanadas, il roast beef, la sangria, i funghi ripieni,le basi per le tartellette delle mousse e i datteri
-venerdi' mattina ho preparato il brie e le mousse (che ho messo in due differenti sac a poche pronte per riempire le tartellette); ho bagnato i baba' e ho condito gli struffoli col miele.
-venerdi' pomeriggio, una mia amica ha imburrato tutte le tartine, mio marito ha fritto i falafel e farcito con essi le mini pita, io ho riempito le tartellette, ho preparato il piatto dei salumi e ho iniziato a infornare verso le 5 pm. Per le 7 p.m tutto era pronto


NOTA: per non incorrere nel panico, la sera precedente ho preparato il tavolo con candele fiori e altro e ho sistemato i piatti vuoti - in cui sarebbero andate le varie porzioni - in modo che appena finito di cuocere ogni appetizer sapevo gia' dove metterlo, sia come piatto sia come posizione sul tavolo. E per non sbagliarmi, ogni piatto aveva il suo post it col nome dell'appetizer!!!

Brie in crosta

Stendere un quadrato di pasta sfoglia; metervi al centro una bella fetta di brie, mettere sul brie un paio di cucchiai di gelatina di arance e coprire con nocciole tritate e tostate. Sigillare la pasta sfoglia intorno al brie, eliminando le parti in eccesso. Spennellare la pasta sfoglia con uovo (diluito con un po' di acqua) sbattuto. Infornare a 200 C finche' la pasta risultera' dorata

Involtini di zucchini

Tagliare i zucchini a fette sottili; condirli con olio, origano, sale e pepe; mettervi al centro un pezzetto di formaggio e arrotolare,
fermandole con uno stecchino. Infornare per 10-15 minuti.

Tartellette alle due mousses

Base:
pasta frolla salata di Lydia (dal forum Amici)
500 gr farina
240 gr sugna/lardo

2 uova + 2 tuorli
una punta di bicarbonato
1 cucchiaino sale

(Finta) mousse di salmone:

1 confezione formaggio cremoso
stesso peso di salmone affumicato

Frulla fino ad ottenere un composto omogeneo

Mousse di asparagi


1 confezione formaggio cremoso
1 mazzetto di asparagi (tranne le punte) puliti e partialmente lessi
1 manciata d inocciole tritate
sale e pepe

Frulla fino ad ottenere un composto omogeneo



Crostini con roast beef e crema di horseradish

750 gr di filetto di manzo in un pezzo
Bacche di ginepro pestate
sale pepe
olio

Massaggiare il filetto con olio, salare e pepare e rotolarlo nelle bacche di ginepro.
Far riscaldare ben bene un po’ di olio in una padella (che possa andare in forno) e far rosolare la carne su tutti i lati.
Poi trasferire la padella in forno preriscaldato a 200 C e cuocere per 8-10 minuti. La carne deve risultare quasi cruda al centro. Se non dovesse piacere proseguite la cottura per altri 5 minuti.
Mettete la carne su un pezzo di foglio di alluminio e fate raffreddare a temperatura ambiente, poi avvolgetela nel foglio e mettete in frigo per almeno 4 ore.
Tagliatela a fette sottilissime e disponete le fettine sui crostini spalmati con la crema di horseradish.

Crema di horseradish:

mescolate 125 gr di formaggio cremoso montato con 2 cucchiai di cren/horseradish.


Datteri ripieni

24 datteri al naturale
125 gr di caprino
Pistacchi tritati q.b.

Farcite i datteri dissossati con il caprino e rotolate la parte superiore del dattero nei pistacchi. Cuocete in forno a 190 C per 10 minuti.
I datteri possono essere preparati in anticipo e poi cotti all’ultimo momento.


Dip di spinachi e carciofi

1 busta di spinaci congelati, fatti scongelare e strizzati ben bene
1 barattolo di carciofi marinati (non in olio)
1 ½ confezione di formaggio cremoso
200 gr di parmigiano grattuggiato
225 gr di panna acida/yogurt
3 cucchiai di maionese
Pepe
Bacon

Cuocete il bacon in una padella calda finche’ rilascia tutto il grasso; scolatelo su carta a ssorbente e sbriciolatelo.
Mescolate gli spinaci ben strizzati, i carciofi scolati e tagliati a pezzetti con il resto degli ingredienti. Insaporite col sale; aggiungete il bacon e mescolate bene.
Cuocete in forno preriscaldato a 200C per 20 minuti. Servite caldo con fettine di pane e crackers vari.


Questo post partecipa alla bellissima iniziativa di Francescav "Aspettando Natale 2007"


Waiting for Christmas 2007

1 dicembre 2007

Il giorno dopo la festa...

... tasca vuota e dolor di testa!!!!
Mai saggezza ppolare e' stata piu' vera!!! Tutto sommato, il party e' stato un successo: gli ospiti (alla fine in totale erano 45) si sono divertiti e il tavolo e' stato spazzolato in meno di un'ora!!!
Per il momento vi metto le foto e il menu', per le ricette... appena mi passa il mal di testa (quanto era buona la sangria...!)



Menu':

1. Falafel in mini pita con salsa tahini
2. Antipasto (mozzarelline, funghi e carciofi marinati, olive bianche e nere, parmigiano, pancetta, salame)
3. Crostini di roast beef crostini con crescione e horseradish
4. Datteri ripieni di caprino e pistacchi
5. Crostatine con mousse di salmone
6. Crostatine con mousse di asparagi e nocciole
7. Empanadas con chili
8. Involtini di zucchini
9. Dip di spinaci e carciofi
10.Dip di carciofi e formaggio al porto
11. Brie in crosta con gelatina di arancia e nocciole
12. Canape' al salmone e alle uova con pomodorini canditi
13. Funghi ripieni al blue cheese

Dessert
· Baba’ e crostatine con crema di cramberry
· fontana al cioccolato con divinity, fragole, biscotti e frutta secca vari.
· Struffoli

Drinks
Sangria al melograno
Vini rosso e bianco
Birre
Soda e liquori vari

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails

That's us!