24 gennaio 2008

Una sfogliatella d'autore!!!

napoli Potevo mai venire a Napoli e non provare a fare la sfogliatella?

In realtà, è da un anno che io e la mia amica Carmen stiamo complottando per poter perfezionare una ricetta che abbiamo già sperimentato meno di un anno fa. E finalmente ci siamo riuscite!!! Già Carmen aveva sperimentato pochi mesi fa la sfoglia per la sfogliatella, suscitando la mia invidia d'oltreoceano e penso di averle fatto un lavaggio del cervello per costringerla a svelarmi i trucchi. Ebbene sì, la mia costanza è stata premiata!!!!

Armata di Nonna papera e santa pazienza, Carmen è venuta a casa mia. La sera precedente avevo preparato l'impasto - secondo una ricetta dataci da una vicina di Carmen - e il ripieno che avevamo realizzato per le nostre prime sfogliatelle (ora leggermente modificato). Ed è essenziale che questi siano preparati la sera precedente, affinchè l'impasto si riposi ed gli ingredienti del ripieno sviluppino al massimo i loro aromi.

Come dicevo, Carmen armata di santa pazienza ha steso l'impasto, dapprima usando la macchina per la pasta e poi allargando con le mani la sfoglia, fino a renderla quasi trasparente. Io, invece, armata di pennello, ho spennellato abbondantemente di sugna le sfoglie, che poi venivano arrotolate da Carmen.

Ci sono volute quattro mani, diverse ore, ma il risultato ne è valso ogni singolo morso!!!

IMG_0316

Ingredienti per 25 sfogliatelle

Per la sfoglia:

500 gr farina di grano tenero 0

200 gr acqua

20 gr miele

5 gr sale

150 gr sugna per spennellare

Impastare tutti gli ingredienti - eccetto la sugna - e lasciar riposare l'impasto. All'inizio l'impasto sarà duro, ma più si lavorerà ed acquisterà maggior elasticità.

Per il ripieno:

175 gr ricotta fresca

1 bustina di vanillina

125 gr zucchero

150 gr canditi (cocozzata, cedro, arancia)

125 gr di semolino (cotto in 375 ml di acqua con un bel pizzico di sale)

1 uovo

Amalgamate bene tutti gli ingredienti e fate riposare in frigo fino al momento dell'uso.

collage

Procedimento:

Prendete un pezzo di sfoglia e tiratelo sottile, usando la macchina per stendere la pasta fino all'ultima tacca. Poi, mentre state stendendo la pasta all'ultimo giro, iniziate ad allargare la pasta mettendo le mani sotto la sfoglia e muovendole verso l'esterno. Poi spennellate la sfoglia con la sugna sciolta, ma non calda, e arrotolate la sfoglia, facendo attenzione a non romperlae lasciando un lembo dove far aderire la sfoglia successiva. Proseguite con un altro pezzo di impasto, stendetelo, fatelo aderire alla sfoglia precedente, spennellate ed arrotolate. Continuate così, fino ad ottenere un rotolo di 5 cm almeno di diametro (maggiore sarà il diametro, più grande sarà la sfogliatella). Tagliate le estremità, se dovessero risultare asimettriche, avvolgete il rotolo in pellicola trasparente e conservate in frigo per tutta la notte o in freezer per diverse ore. Tagliate il rotolo a fette di 1,5 - 2 cm e, partendo dal centro, cominciate a spingere, usando la pressione dei pollici, verso il basso, cercando di far separare (ma non del tutto) le varie strisce (che si sono formate quando si è formato il rotolo) e formando una sorta di conchiglia, che andrà riempita con un cucchiaio di ripieno e poi sigillata. Infornate ad alta temperatura, almeno 200 C - la temperatura dipende dai forni, ma deve essere forte - e cuocete per 15-20 minuti, finchè le sfogliatelle risulteranno croccanti e dorate.

Nota: questa sfogliatella è la cosidetta sfogliatella riccia napoletana, il cui ripieno è appunto costituito da ricotta e semolino. Diversamente, la sfogliatella santa rosa è vuota dentro ed è farcita, dopo cotta, con crema pasticciera e ciliegina.

Per maggiori informazioni sulla sfogliatella, sulla sua storia e sulle origini, vi consiglio di consultare il sito www.sfogliatella.it .

41 commenti:

  1. Qui sarebbe ora di colazione... Ne è rimasta qualche briciola ? Ciomp E grazie per il reportage fotografico. Magari questa volta riesco a farle davvero. Smack. Kat

    RispondiElimina
  2. Adoro questi dolci, però che lavorone che c'è dietro.Baci

    RispondiElimina
  3. Che bontà! Anche io vorrei provarle ma mi fa paura il lavorone...magari ci provo però!

    Ciao,
    Aiuolik

    RispondiElimina
  4. Quanto lavoro, ma quanta soddisfazione! :) Buone vacanze!

    RispondiElimina
  5. Che gustose. Mi sembra quasi di sentire il profumo!!!
    Ma che e' la sugna???
    La preparazione mi sembra un po' complicata per una seghetta come me, quindi aspetto di tornare in patria per mangiarle. A Cagliari c'e' una pasticceria napoletana che conosco bene!!!
    E la pastiera non la fai???
    Quando torni in Texas???

    RispondiElimina
  6. buone le sfoglie napoletane! non avevo mai pensato di farle in casa, nemmeno lontanamente, ma grazie al tuo post mi cimenterò presto! tks.

    RispondiElimina
  7. Siete state molto brave! Avete fatto veramente un gran lavoro.
    Le sfogliatelle sono uno dei miei dolci preferiti.

    RispondiElimina
  8. la sugna è lo strutto
    Imma ed io alla fine avevamo una pelle di pesca per la morbidezza e pronte per friggere :)
    a lei non è possibile rispondere per adesso per mancanza di pc, quando in questi giorni verrà da me, farà un giro di risposte sul blog
    byebye

    RispondiElimina
  9. Un lavoro perfettamente appagato!! Io le adoro ma non avevo pensato di prepararle a casa, con tre bimbi mi sembra un'impresa ardua..un grosso bacio Elga

    RispondiElimina
  10. a quando l'incontro?
    quando decidi di creare qualche altra prelibatezza, fammelo sapere...

    RispondiElimina
  11. Tanto di cappello!! Già a vederle in pasticceria mi sono sempre chiesta come si facessero. Che lavorone, ma immagino che ne valga la pena. Un abbraccio e continua a goderti la tua terra. Alex

    RispondiElimina
  12. dimenticavo ho postato il dolce delle zitelle ciao

    RispondiElimina
  13. ma siete state bravissime!!!! e le foto sono un supporto utilissimo per chi vuole cimentarsi in questa impresa!! bravissima.

    RispondiElimina
  14. Madonna, quando ci invitate a cena??
    Ogni volta che visito il vostro blog, mi viene fame... complimenti!!

    RispondiElimina
  15. spettacolare, sul serio. Domani ricorrono 10 anni di vita insieme al my wise e mi piacerebbe poter sfornare per lui le sfogliatalle, ma mi manca la macchina per la pasta, pazienza, ma me la segno.

    Potrei usare il burro al posto della sugna?

    RispondiElimina
  16. Da buona napoletana non posso che dirti:troppo brava!!!
    anche perche'le sfogliatelle non sono per niente semplici
    io spessp preparo quelle"froll",che ci piacciono di piu',inoltre la preparazione e'molto piu'semplice.
    ne preparo tante e le congelo,cosi quando ho nostalgia di casa e voglia di qualcosa di buono...sono a portata di mano!!
    ;D Mirtilla

    RispondiElimina
  17. io AMO le sfogliatelle!! Semplicemente non resisto!!!

    RispondiElimina
  18. Ciao, capito di qua saltellando tra un blog e l'altro e DEVO farti i complimenti per tutte le cose buone che ci posti! Last, but not least, le fantastiche sfogliatelle, uno dei miei dolci preferiti in assoluto, anche se le mie origini sono agli estremi opposti. Ebbene, dopo aver visto le tue, mi sono detta che forse non erano così difficili da fare, così venerdì sera ho preparato tutto. E sabato mattina, come per magia... una vera schifezza, un fallimento completo! Le fette tagliate dal rotolo non avevano la minima intenzione di "sfogliarsi". Ne ho cotte comunque una decina. Risultato: il ripieno indegnamente sparso nella teglia e le sfogliatelle completamente biscottate... Una vergogna... Ma non mi arrendo, eh! Ci riprovo... Se magari riesco a capire dove ho sbagliato...
    Baci grossi
    Miki

    RispondiElimina
  19. ma siete state grandi!!!Sono troppo difficili..però chissà che soddisfazione!Complimenti!!

    RispondiElimina
  20. Cavolo che lavorazione, belle le foto passo dopo passo !! Ciao Lisa
    http://ricettedafairyskull.myblog.it/

    RispondiElimina
  21. Ma che braveeeee! E' da quando ho iniziato a fare i dolci che ho lì la ricetta delle sfogliatelle da provare, ma ogno volta mi faccio prendere dallo sconforto perchè... bè non è tra i dolci più semplici da fare... Però sono buonissime! Complimenti alle pasticcere!

    RispondiElimina
  22. Manine sante Imma!...manine sante e null'altro da aggiungere!
    Sono favolose!
    Baci!
    Francesca

    RispondiElimina
  23. Bhè!! Sono rimasta d'incanto!! Sono veramente stupende! Mi segno la ricetta...voglio provarci...ma prima devo prendere in prestito la macchinetta per stendere la pasta!
    Comunque brava, brava brava!!!!

    RispondiElimina
  24. Passo per dirti che ti ho assegnato un PREMIO e... sono morta e resuscitata 3 volte a vedere le mie paste preferite con tanto di sequenza fotografica!!!!
    Quando ho voglia di far colazione al bar e di "strafregarmene" della dieta vado su queste!!! E tu mi pubblichi pure la ricetta!!! SEI GRANDE! Un bacione! =(^.^)=

    RispondiElimina
  25. "Ci rendi felici", ipse dixit.
    Passi a ritirare il premio?

    ciao

    Fabrizio&Chiara del Monolocale

    RispondiElimina
  26. buone ne mangerei subito 1 buon fine settimana

    RispondiElimina
  27. Questa è una vera e propria opera d'arte. Complimenti per il risultato!!!

    RispondiElimina
  28. Quando ci delizi con altre tue ricette fantasiose?
    buon w.e. e a presto...

    RispondiElimina
  29. Ho sempre fatto follie per le sfogliatelle.
    Dovrei avere il coraggio di farle, sei favolosa, con la tua spiegazione (sono sempre difficili)
    ma... Grazie in tutti i casi.

    RispondiElimina
  30. non ci credo è propriio impossibile farli...io le adoro ma le ho sempre mangiate in un bar che credo le abbia surgelate...meravigliose

    RispondiElimina
  31. Mi devo per forza aggiungere ai complimenti, ho comprato anche un libro di pasticceria napoletana per imparare a fare le sfogliatelle ricce, ma come tanti altri, non ho ancora avuto il coraggio di provare!
    Con l'aiuto delle vostre foto pero' l'impresa mi sembra abbordabile.....
    Brave tutte e due!

    RispondiElimina
  32. Ciao Imma!!!!
    Che brave siete state tu e Carmen.
    Tutta la mia invidia e la mia stima.
    Io non ci riuscirò mai!!!
    Mi dispiace tantissimo non essere riuscita ad incontrarti, ci tenevo tanto, mi sa che ora toccherà a me venire dalle tue parti.
    Ti abbraccio calorosamente.
    P.S.
    So che Giovanna ha qualcosa per me da parte tua

    RispondiElimina
  33. Scusa, ho sbagliato, ho fatto le codine di aragosta. Le conosci?

    RispondiElimina
  34. Ho meso i fotogrammi e le istruzioni per le codine di aragosta.
    E' stata un'impresa, spero di essere stata chiara

    RispondiElimina
  35. Oh I remember these! You di such a beautiful job!

    RispondiElimina
  36. Bravissima tu e la tua amica! Io ho sperimentato la frolla dal sito www.sfogliatella.it ma il ripieno non mi ha soddisfatto, secondo me c'era troppo semolino. Proverò la vostra e vi farò sapere! Molto carino anche il blog. Tornerò a leggervi sicuramente! Simona

    RispondiElimina
  37. Tiziana, New Haven8 agosto 2010 17:49

    Grazie per farle sembrare cosi' facili!!! Ho sempre avuto paura di provarle perche' ho sempre pensato che non ce l'avrei mai fatta! Ma le tue foto mi han fatto venire una gran voglia di provare!! Yum! Ci provero' presto!
    Grazie!
    Ciao!

    RispondiElimina
  38. Siete state grande!!!!! Mamma mia che bontà! Aneta.

    RispondiElimina
  39. è la prima volta che visito il vostro blog ma ho già l'acquolina in bocca! non vedo l'ora di provarci. una curiosità: posso usare la pasta sfoglia surgelata comprata al super? grazie. rosaria

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails

That's us!