27 aprile 2008

Virgins of Paradise

Venerdi' scorso, secondo appuntamento mensile per il book-club che frequento.  

Il libro scelto dalla padrona di casa (si fa a rotazione; chissa' quando tocchera' a me?!?) e' stato: Virgins of Paradise di Barbara Wood. virgins_paradise_La storia, bellissima e complessa per l'intrecciarsi di personaggi e vicende, si svolge in Egitto  intorno alla famiglia Rasheen, a partire dal dopoguerra e attraverso 4 decadi.

Figura centrale, a mio avviso, e' Amira, la matriarca della famiglia, anche se usare il termine matriarcale in una societa'  prettamente dominata dagli uomini possa sembrare erroneo. Infatti, Amira domina l'intero libro, anche attraverso gli altri personaggi chiave ed e' lei che inizia e conclude la vicenda, come se fosse un cerchio, il cerchio della vita. E forse, se leggiamo il libro in questa chiave, si possono spiegare delle parti piuttosto "campate in aria". Ma vi invito a leggere il libro e non vi dico piu' niente per non togliervi il gusto della lettura.

Comunque, culinariamente parlando, non potevo non scegliere qualcosa che rispecchiasse l'area e la cultura medio-orientale. Ho preparato cosi' un dessert greco, la cui ricetta mi e' stata data da una vecchietta greca, Lefki (che in greco significa Bianca) una persona dolcissima che all'eta' di 82 anni - quando l'ho conosciuta - mi ha sconvolta per la sua capacita' di parlare francese, italiano, inglese e greco!!! Ci siamo conosciute in una centro dove insegnavano inglese alle mogli di mariti in trasferta. La parte divertente, che quando lei non capiva qualcosa in inglese mi chiedeva in italiano e io poi "traducevo" (si fa per dire) in inglese all'insegnante!!!! La mia "classe" era composta da me Italiana, da Lefki, greca e da Yasmine, la mia amica turca. L'insegnante invece era texana e quello e' stato lo scoglio piu' difficile da superare in fatto di inglese. Avete mai ssentito parlare John Wayne in inglese? Fatemi sapere!!!!

Ritonarndo al cibo ... non ho molte informazioni su questo dolce (se sapro' di piu', aggiornero' il post). I saragli sono la versione arrotolata della piu' conosciuta baklava, di origini greca, sebbene la Turchia se ne attribuisce la paternita', ma diffusa attraverso tutto il medio oriente. Ma qualunque sia il luogo di origine, per me rappresenta il cibo degli dei!

Vi trascrivo qui di seguito la ricetta cosi' come mi e' stata data, ma annotero' le varianti apportate. Volendo, invece di arrotolarla, potete semplicemente stendere i fogli, poi dopo che avete finito i vari strati, potete incidere la superficie con tante losanghe ed otterrete la baklava.

 IMG_0722

Σαραγλι , ovvero Baklava arrotolata (GRECIA)

Ingredienti:

450 gr pasta phyllo

1 tazza di olio + 2 cucchiai di burro sciolto per spennellare la pasta (ho usato tutto burro, che e' la variante tradizionale)

Ripieno:

450 gr frutta secca macinata finemente, ma non ridotta in polvere (pistacchi, mandorle, noci)

2 1/2 tazze di fette biscottate macinate la stessa grandezza della frutta secca (non le ho messe)

5 cucchiai di zucchero

1 cucchiaino di cannella in polvere

1/2 cucchiaino di chiodi di garofano in polvere

Sciroppo (io ho fatto meta' dose)

2 1/2 tazze  zucchero

1 1/4 tazza acqua

succo di 1/2 limone

scorza di arancia e estratto di fiori di arancio, un paio di cucchiai di miele (aggiunta personale)

Il procedimento descritto non seguira' alcuna regola grammaticale o di sintassi; ve lo scrivo cosi' come l'ho avuto!!!!

- Stendere 1 foglio di phyllo; spennellarlo col burro fuso; coprirlo con altri 2 fogli e spennellare con burro; mettere uno strato di ripieno;

- Poi 1 foglio di phyllo spennellato e ancora ripieno;

- poi 1 foglio di phyllo e ancora ripieno.

- Mettere 1 foglio; spennellare; 2 fogli spennellare; iniziare a rotolare la pasta, facendo una prima piega; poi mette il ripieno restante e cominciare ad arrotolare completamente. Tagliare in pezzi della larghezza di due dita (io li ho fatti piu' sottili perche' il diametro era troppo largo) ed infornare a 170 C finche' la pasta diventa dorata.

Mentre la pasta cuoce, preparate lo sciroppo facendo bollire tutti gli ingredienti, eccetto l'estratto di fiori d'arancio, che ho aggiunto alla fine.

Versatelo sciroppo tiepido sui dolcetti tiepidi. Fate assorbire lo sciroppo per alcune ore, poi capovolgete ogni dolcetto sotto sopra, in modo da far ridistribuire lo sciroppo.

 

Nota: io, mentre stendevo e leggevo la ricetta,  devo aver perso il conto di quanti strati di ripieno dovevo fare, perche' ne ho fatto solo un paio!!!!

Per una versione altrettanto Doc della baklava vi consiglio di visitare questo link postato da Jean Michel.

21 commenti:

  1. intrigante questa ricettina...davvero da provare....un bacio e buon inizio settimana
    Annamaria

    RispondiElimina
  2. mi piace questo dolce...sai bene che sono attratta dai piatti internazionali
    buon inizio settimana ;P

    RispondiElimina
  3. Da provare (a mangiare non a fare, lo sai)assolutamente!!!!
    Ciao Imma e buon inizio settimana
    Grazia

    RispondiElimina
  4. A proposito, Imma, ho una sorpresa per te: guarda il mio blog...

    :))))

    RispondiElimina
  5. Mi hai rinfrescato alcuni ricordi... Ormai di tanti anni fa...! Un bacio e grazie!

    RispondiElimina
  6. ohi ohi... il baklava è uno dei miei dolci preferiti! non ho mai pensato di farlo arrotolato: sempre fatto & visto nella versione piatta! bella idea :)))

    RispondiElimina
  7. che belli.....non avevo mai pensato di farli.....ma quasi quasi.......
    Un bacio!

    RispondiElimina
  8. Non ho mai usato la pasta fillo, piu' che altro perche non l'ho mai trovata in giro...
    carinissime queste "girelle" soprattutto se penso alla signora greca..
    Brava, anche per la recensione del libro! :)

    RispondiElimina
  9. Imma, ti leggo sempre sai,come il solito mi tocca salutare tra una pratica e l'altra ...
    baci Isabella

    RispondiElimina
  10. Ciao e complimenti, deve essere ottima!

    RispondiElimina
  11. ciao mi chiamo veronica da poco ho creato il mio blog, complimenti per il tuo è davvero bello!
    conosco unika è la mia zietta.
    cmq se vuoi passa nel mio blog ciao ciao^__^

    RispondiElimina
  12. scusami posso chiederti come hai messo la musica vorrei metterla anch io ti ringranzio.

    RispondiElimina
  13. Imparato un'altra ricetta per usare la pasta fillo. Grazie

    RispondiElimina
  14. complimenti Imma,bellissimo piatto e tu brava come sempre!!!
    un bacione Ross.

    RispondiElimina
  15. molto ammaliante questa ricetta e mai sentita, quindi da provare...
    baci

    RispondiElimina
  16. Superenergizzante! Alla faccia delle calorie, però deve essere buonissimo! Baci, Elga

    RispondiElimina
  17. è la prima volta che passo di qua, o meglio, passata ero già passata, ma poi non avevo mai commentato (?) e che ti trovo?? La ricettina della baklava???!!!! Io la adoro e, ovviamente, ho copiato la ricetta nel mio fedele quadernetto (nella stessa lingua usata da te, così non faccio errori!) e prima o poi la replico..grazie! Baci. lety

    RispondiElimina
  18. ricetta molto profumata, quante spezie..... deve essere buonissima!
    ciao Ely

    RispondiElimina
  19. DA PROVARE COMPLIMENTI
    VERONICA

    RispondiElimina
  20. Se ti va ti avrei coinvolta in un meme ;-)

    Ciaooo,
    Aiuolik

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails

That's us!