18 giugno 2008

San Francisco ... I love you !

  (SECONDA PUNTATA)

Si dice che il buongiorno si vede dal mattino. Piu' mattino di cosi': siccome tra Texas e California ci sono due ore di differenza, ogni mattina ci svegliavamo alle 6!!!

Su consiglio di un collega di mio marito, nativo di SF, ci siamo recati  qui per fare la tipica colazione americana. Sembra di essere in un telefilm di Happy day ...

IMG_1276IMG_1281 

IMG_1279...con tanto di Charlie Chaplin!!! 

IMG_1282

Poi, dopo aver attraversato il Golden Bridge (CHE EMOZIONE!!!) ci siamo avviati verso Sonoma County e Napa Valley, le due  contee californiane famose per la loro produzione di vino.IMG_1294

Prima tappa: Sonoma County, ma non sono rimasta molto impressa dall'insieme. Si trattava praticamente di andare da una vineria all'altra!!!! Ci siamo concessi un unico  assaggio dei vini alla vineria Ravenswood, prima vineria negli USA a occuparsi di vini zinfandel. Ed, infatti, per quanto non riesca ad apprezzare completamente  i vini californiani per il loro accentuato sapore fruttato, devo ammettere che il loro zinfandel (2005 Zinfandel -Sonoma County, old wine)mi ha particolarmente colpito. Un altro vino che mi ha impresso, e' stato il  Moscato Leggero 2007 - California, gradevole al palato, fresco, con note di pesca e perfetto come palate cleanser durante un pasto.

 

 IMG_1341  IMG_1345 

Da Sonoma poi ci siamo recati a Napa Valley, forse la contea piu' famosa di tutte in California per la produzione vinicola, famosa per aver introdotto un nuovo "stile" (nuovo nell'ottico della cultura culinaria americana) nella cucina, basato sugli ingredienti piu' freschi e soprattutto locali, piatti leggeri ed innovativi.

 IMG_1383

Simbolo di questo modo di pensare e' COPIA, un centro culturale  non-profit , la cui missione e' quella di esplorare, celebrare e condividere i piaceri del vino, la sua relazione col cibo e cosa significhi per la nostra cultura. In questo centro, situato proprio nel cuore di Napa Valley, hanno costrutito sia un ristorante dedicato a Julia Child, sia un EDIBLE GARDEN, ovvero un giardino n cui tutto quello che e' coltivato (fiori, spezie, piante varie) e' usato/mangiato nei due ristoranti annessi al centro, ovvero Copia e Julia's Kitchen.  Le foto sottostanti rappresentano, la prima parte del Museo di Copia, con l'esposizione di un vino per ogni stato degli USA; l'altra parte del giardino, e precisamente quella dedicata alle erbe italiane.

 IMG_1358IMG_1375

Non potevamo non fare uno dei tour guidati all'interno di una produzione agricola, con tanto di assaggio di vini!!!! ci siamo recati nella vineria Roberto Mondavi, la prima grande vineria costruita, nel 1966, proprio dopo l'era del Proibizionismo.

 IMG_1465

La visita e' stata interessantissima: siamo partiti dalle vigne e abbiamo ripercorso tutti i passaggi, fino ad arrivare nella cantina dove conservano appunto i vini. Nella foto, la cantina riservata ai vini rossi: le botti per i rossi vengono contrassegnate da una fascia rossa dipinta usando il tannino.

 IMG_1418IMG_1434

Tra i tre  vini che abbiamo assaggiato (uno bianco e due rossi), il piu' interessante e' stato il Fume' Blanc 2006, ottenuto dai grappoli del Sauvignon Blanc, un vino fresco, giovane, dall'aroma agrumato e con un leggero accento ferroso che dona complessita' al vino. Il nome (americanizzato dal francese "les blancs fums") e' stato coniato proprio da Mondavi per distinguere questo pearticolare vino da quello leggermente piu' dolce del Sauvignon Blanc.

A lato, da sinistra 2002 Vine Hill Ranch Cabernet Sauvingon e 2006 Reserve Pinot Noir.Nel retro, si intravede il Fume' Blanc.

Ultima tappa, prima del rientro, uan visita ad una vineria un po' particolare: il Castello di Amorosa, una estravanganza di un milionario americano che ha voluto ricreare un castello italiano come sede della sua produzione vinicola. Il castello si estende per circa 121.000 sq ft e ci sono voluti circa 14 anni e quasi 30 milioni di dollari per costruirlo. Molti pezzi all'interno del castello sono pezzi originali comprati in Italia.

 

IMG_1460 IMG_1443

Da Napa siamo ritornati poi a San Francisco, recandoci direttamente sulla Fishermans Wharf, ovvero il lungomare, pieno di negozietti - tra cui un candy store !!! - e ristoranti. IMG_1477IMG_1480

La nostra giornata si e' conclusa felicemente e gustosamente da Scoma's un ristorante italiano famoso per i piatti a base di pesce. Scelta obbligata: il cioppino, specialita' di San Francisco... o meglio rivisitazione della nostra zuppa di pesce - il caciucco - alla quale e' stata aggiunta la polpa di dungenees crab, il granchio locale. Si serve accompagnato dal Sourdough bread e vi assicuro e' da leccarsi i baffi!!!!

 IMG_1484 IMG_1483

Ah dimenticavo di dirvi nel post precedente... cena fantastica al John's Grill, uno dei piu' famosi locali di San Francisco, nonche' uno dei piu' vecchi. Cio' che lo ha reso particolarmente conosciuto, e' il fatto che sia stato il setting per il romanzo di Dashiell Hammet, The Maltese Falcon. L'interior design e' addiritttura lo stesso di quando Hammet si sedette perla prima volta in quel locale, ordinando il cibo che poi e' diventato famoso nel romanzo!!!

E siccome io sono una fanatica di libri giali non potevo perdermi quest'occasione e poi il cibo era eccellente!!!!

Finisce cosi' il secondo giorno a SF. Spero il lungo racconto non vi abbia annoiato troppo e, se non fosse bastato, don't worry... c'e' l'ultima puntata!!!!

2 commenti:

  1. Imma tesoro ma che annioiare!! Mi diverto un sacco a leggere le tue fantastiche gite in giro per gli states..almeno viaggio un po' con la fantasia!
    Bella quella colazione ! sbaglio o si mangia bene in quel posto :-D?
    bacione
    Silvia

    RispondiElimina
  2. wouuuuuu che bello questo e il precedente post.......con notizie utili.....molto utili....a luglio saremo a San Francisco....aspetto la prossima puntata.....e se hai qualche consiglio su cosa devo assolutamente comprare, consiglia pure......baciiii e alla prossima!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails

That's us!