17 luglio 2008

Geometria di cheesecake

Mi stavo scervellando da un po' cercando di fare un cheesecake particolare per la raccolta della Trattoria Muvara.   Io adoro i cheesecake, soprattutto la versione newyorkese! Ma trovo che sia piuttosto pesante come dolce estivo e poi, non dimentichiamo che si dovrebbe accendere il forno per un bel po'!!! E allora mi son detta, perche' non fare un cheesecake che non richieda cottura? E va bene, lo ammetto, ci vogliono solo 12 minuti per cuocere la crosta, ma non un minuto di piu' ne' un minuto in meno!!!!

Ho giocato intono ad una ricetta base e, alla fine, l'ho completamente stravolta e il risultato e' sorprendentemente leggero, una perfetta armonia di sapori e contrasti. Sicuramente si presta a molte varianti, basta cambiare la frutta e il tipo di biscotto e si avra' un sapore diverso ogni volta!

No-bake cheesecake al mango e cocco

IMG_2171

Base:

300 gr graham crackers (o altri biscotti secchi)

100 gr crusca

2 cucchiai di brown sugar (vedi nota)

pizzico di sale

113 gr burro sciolto

1 cucchiaio rum

Frulla i biscotti con la crusca e lo zucchero  fino ad ottenere un composto omogeneo. Aggiungi il burro fuso e il rum e mescola bene. Stendi il composto su una teglia da forno e premi bene fino a formare uan base compatta. Inforna per 12 minuti a 180 gradi C.

Ripieno:

225 gr philadelphia, a temperatura ambiente

150 gr zucchero

10 gr (4 fogli) di gelatina, ammorbidita in acqua e poi sciolta in 50 ml acqua

il succo di mezzo limone

370 gr mango fresco, ridotto in puree

225 ml latte denso di cocco

Sbatti la philadelphia finche' cremosa. Mescola con il latte di cocco, lo zucchero e il resto degli ingredienti, eccetto la gelatina, fino ad ottenere una crema omogenea. Versa lentamente la gelatina sciolta e fai amalgamare bene.

Topping (finta gelee di mango)

1 mango, tagliato a dadini

1 foglio di gelatina ammorbidito

3 cucchiai zucchero

acqua

Fate ammorbidire la gelatina in 2-3 cucchiaia di acqua, poi mettete la gelatina con la sua acqua sul fuoco, insieme allo zucchero e fate sciogliere. Togliete dal fuoco e versatevi i pezzettini di mango. Fate riposare 5-10 minuti.

Assemblaggio:

Per fare i singoli cheesecake, ritagliate le basi di biscotto con un coppapasta.

Rivestite il coppapasta con fogli di acetato; mettete la base sul fondo; coprite fino a 3/4 con il ripieno poi fate rassodare qualche ora in frigo. corpite col topping e fate rassodare di nuovo.

 

IMG_2167

 

Nota: il brown sugar viene spesso erroneamente considerato/tradotto come zucchero di canna. si tratta invece di zucchero mescolato a melassa, che conferisce il tipico colore scuro, nonche' una consistenza morbida ed umidiccia allo zucchero. ci sono due tipi:

1) il light brown sugar che contiene il 3.5% di molassa.

2) il dark brown sugar che ne contiene invece il 6.5 %.

Sostituire questo zucchero con quello di canna, soprattutto nelle ricette americane, non permette di avere lo stesso risultato. Il migliore esempio per rendersene conto sono i  famosi chocolate chip cookies: l'uso del brown sugar conferisce una consistenza particolare, soffice, quasi gommosa, come dovrebbero essere. In pratica e' come metter il miele nella pasta frolla per ottene re un impasto meno friabile e piu' morbido!!!!

Come fare  il BROWN SUGAR in casa

Mescolate 1 tazza di zucchero regolare  + 2 cucchiai di melassa/miele scuro. Si conserva in un contenitore chiuso.

 

Questa ricetta partecipa alla raccolta dei chesecake organizzata dalla Trattoria Muvara

logoricettariocheesecake

10 commenti:

  1. Grazieeeeeee! Ho appena finito di mangiare (senza dolce!) e tu mi fai vedere questa bontà?
    Grazie grazie!
    Ciaooo,
    Aiuolik

    RispondiElimina
  2. golosissima la tua trilogia, e molto bella esteticamente, con le varie forme di cheesecake. Ottima la spiegazione sul brown sugar, da preparare anche in casa. Io ho trovato nei negozi equo e solidali qui a Roma uno zucchero iperintegrale, che sa praticamente di nocciola, è umidissimo e veramente buono :-P

    Francesca

    RispondiElimina
  3. che buono!!! complimenti! anch'io ieri sera ne ho fatto uno senza cottura! non l'ho ancora assaggiato! spero sia buono.

    RispondiElimina
  4. Buonissimo!!!

    PEnso che si possa fare anche in versione "grande", ma questi tuoi piccoli sono deliziosi e perfetti!!!

    Grazie per il trucco del brown sugar, gia' mi ero scoraggiata sul fatto che non avrei mai potuto trovarlo,, e invece alla fine del post trovo il fai da te!!! :))

    RispondiElimina
  5. che cariniiiiiii!!!!
    bellissima idea!!
    grazie per la dritta del brown sugar...non resteremo più senza.
    bacioniiii

    RispondiElimina
  6. Sono veramente belli. La versione fredda del cheesecake mi piace molto (soprattutto la consistenza cremosa) anche se spesso litigo con la gelatina :*
    Grazie per la spiegazione sul brown sugar, ero fra quelli che traduceva con zucchero di canna (oh me tapina!!!)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. complimenti Imma, davvero belli e buoni questi mini cheese cake! grazie della spiegazione sul brown sugar, anche io avrei fatto l'errore di confonderlo con lo zucchero di canna! buona giornata!

    RispondiElimina
  8. Che belli così piccini! E che originalità il mango! Brava come sempre.

    RispondiElimina
  9. Cheesecake senza fuoco.. complimenti sono davvero belli! E grazie per la spiegazione del brown sugar, non lo trovato qui!
    Alla sottoscritta non piace granchè il gusto del latte di cocco: posso sostituirlo con.. cosa suggerisci? panna? formaggio cremoso? yogurt denso? o...? grazie!

    RispondiElimina
  10. Imma, grazie, grazie ed ancora grazie per la visita perchè mi hai dato modo di conoscere il tuo fantastico blog.
    Per non perderti di vista, ti aggiungo immediatamente tra i miei link...se ti fa piacere aggiungimi anche tu!!!
    Buon pomeriggio ed ancora complimenti!!!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails

That's us!