24 febbraio 2009

Bugie & chiacchiere nella blogosfera!!!!

Non ci si puo' girare che ogni blog propone un golosissimo dolce di Carnevale: bugie, chiacchiere, frappe, castagnole, sfrappole... e chi piu' ne ha, piu' ne metta!!! quante tentazioni!!! RaccoltaCarnevaleE visto che a Carnevale ogni ricetta vale, ne  approfitto per partecipare - quasi in extremis come al solito!!! - alla raccolta di Carolina, con un dolce "tipico" della Louisiana, che era da tempo che volevo provare a fare: il King Cake!!!

Il king cake e' un tipo di dolce tradizionalmente associato con la festivita' della Befana in molti paesi europei: in Francia, Belgio e Svizzera e' chiamato gâteau des Rois, in Portogallo Bolo Rei, in Spagna Roscón de Reyes, in Grecia e' detto vasilopita ed in Bulgaria banitsa. Negli Stati Uniti, invece, soprattutto a New Orleans e' associato col  Mardi Gras, ovvero il nostro Carnevale (anche se lo si trova in alcune bakery anche durante la prima settimana di Gennaio).

la_galette_des_rois_1 Anche la consistenza del dolce e diversa tra la versione europea e quella americana: “La galette des Rois” e' un dolce di pasta sfoglia ripieno di frangipane (una crema alle mandorle molto ricca).

 

 

king cake (6)

Il Louisiana style King Cake, invece e' simile ad una brioche, quasi come il cinnamon bread, ripiena (il ripieno puo' essere semplice cream cheese o la crema alle mandorle), cosparsa di glassa e confettini colorati.

La forma rotonda, ad anello, vuole ricordare il percorso che fecero i tre Re Magi per cercare di deviare Erode. Ecco perche' il doce contiene anche un piccola figurina in plastica rapresentante Gesu'. La tradizione vuole che chi trovi il giocattolo/premio venga incoronato re e sia colui che organizzera' il prossimo King Cake party

Un'ultima particolarita' della versione americana sono i colori dei confettini usati: obbligatoriamente VERDE (il colore della fede), VIOLA  (la giustizia), GIALLO/ORO (il potere). I colori furono decisi nel 1872 dal The Rex Krewe, il gruppo che organizza la sfilata dei carri per il Mardi Gras in Louisiana, e da allora sono rimasti in uso e simboleggiano i colori della stessa New Orleans.

Per la ricetta non potevo che rifarmi ad un grande chef di New Orleans, proprietario di ben 10 ristoranti tutti di successo e notorio chef televisivo Emeril Lagasse.

KING CAKE (LOUISIANA)

king cake (5)

 

Ingredienti:

  • 2 bustine di lievito liofilizzato in granuli
  • 1/2 tazza di zucchero
  • 113 gr burro fuso
  • 340 ml latte tiepido
  • 113 ml acqua tiepida
  • 5 tuorli a temperatura ambiente
  • 4 1/2 tazze di farina
  • 2 cucchiaini di sale
  • 1 cucchiaino di noce moscata grattuggiata
  • 1 cucchiaino di scorza di limone
  • 2 cucchai di latte

Ripieno:

  • 450 gr formaggio cremoso, a temperatura  ambiente
  • 1 tazza di zucchero a velo
  • 1 figurina di plastica o una mezza noce intera (senza guscio!), facoltativo

Glassa:

  • 3 tazze di zucchero a velo
  • 3 cucchiai di latte
  • 3 cucchiai di succo di limone
  • confettini colorati: verde, viola, giallo

 

Mescolare il lievito  con lo zucchero nella ciotola dell'impastatrice con il gancio; aggiungere i liquidi tiepidi e il burro fuso e mescolare per 1 minuto. Poi aggiungere i tuorli e mescolare per un altro minuto. A questo punto versarela farina, sale, noce moscata, scorza di limone e impastare finche' tutti gli ingredienti sono incorporati. Aumentare la velocita' e sbattere l'imapsto finche' la pasta si stacchera' dalel pareti formando una palla intorno al gancio. Far crescere finche' raddoppia in volume.

Nel frattempo fate il ripieno, mescolando lo zucchero a velo col formaggio cremoso.

Quando l'impasto sara' cresciuto, stendetelo - su un piano infarinato - in un rettangolo di 76x15 cm. Spalmate il ripieno nel senso della lunghezza solo su un lato e ripiegate il lato senza ripieno sull'altro, in modo da formare una lunga striscia di pasta ripiena. Sigillate bene i due lati e formate una ciambella, sigillando di nuovo le due estremita'. Inserite la noce o il giocattolo dalla parte di sotto delal ciambella - in modo che non si veda dove e' stato posizionato il premio! - e fate crescere l'impasto, coperto da una tovaglia e in un luogo caldo, per circa 45 minuti.

Prima di infornare, spennellate la cimabella con 2 cucchiai di latte e fate cuocere in forno preriscaldato a 180 C per 25-30 minuti o finche' la ciambella assumera' un bel colore dorato. Sfornare e far raffreddare.

Quando e' freddo, preparate la glassa, mescolando lo zucchero con latte e succo di limone e versatelo sulla ciambella. Quando e' quai asciutto , spruzzate i confettini coloratie fate asciugare compleltamente priam di servire!

8 commenti:

  1. Ma guarda che carina!!!

    Brava, come sempre :)

    Un bacio

    Ali

    RispondiElimina
  2. Che bello con tutti quei colori! E deve essere anche buonissimo.
    Grazie

    RispondiElimina
  3. Grazie per aver partecipato alla mia raccolta!
    A presto!

    RispondiElimina
  4. Che bello.
    Leggere un tuo post arricchisce anima e mente!
    Ora ho imparato un po di cosine nuove.
    In effetti conoscevo solo la versione francese, avendo abitato in francia per lungo tempo.... guarda tu che bello!
    La cucina unisce!
    un nasibacino

    RispondiElimina
  5. Bellissimo dolce, così colorato!!! Mi piace un sacco ed è una splendida variante ai dolci tipici di carnevale italiani!
    Un bacione
    fra

    RispondiElimina
  6. Ciao Imma, grazie tante per la spiegazione! Una collega di lavoro l'aveva fatta durante il mio primo anno negli States, quando ancora di inglese non ne capivo una mazza.... e mi ero chiesta cosa ci stava a fare il bambinello all'interno!
    Buona giornata,
    Ila

    RispondiElimina
  7. Grazie ragazze per i complimenti e per essere passate di qua!

    RispondiElimina
  8. I colori già mi attiravano... poi l'ho fatto....

    Buonissimoooo!!

    Ho avuto un po' di problemi con la farina. Ho le tazze americane ma forse non le ho riempite bene perchè ho dovuto aggiungere farina. Credo di non conoscere il sistema giusto per riempire le tazze, io ho versato la farina dal sacchetto nella tazza. Non si fa così vero?
    Ma non importa perché è venuto benissimo e lievitatissimo. Ne ho fatti due ed in uno ci ho aggiunto delle gocce di cioccolata.

    Più tardi metto il post nel blog così, se vuoi, puoi vedere.

    Ancora grazie e grazie anche per farci conoscere queste tradizioni tanto lontane dall'Italia.

    Un bacio

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails

That's us!