31 ottobre 2012

Witchy Halloween

 

Altri treats per Halloween: le dita delle streghe, uno dei piu’ comuni biscotti di Halloween!!!

Questi biscotti li avevo fatti l’anno scorso, ma poi non so perche’ non li ho mai pubblicati. Se avete tempo, si fanno in fretta… se poi avete gli stampi, il lavoro diventera’ ancora piu’ facile!!!

La ricetta che ho usato e’ quella stampata sull’involucro degli stampi e purtroppo… l’ho persa!!! Pero’ ricordo che si trattava di una ricetta di shortbread, molto burrosi e perfetti da malleare nelel cavita’ degli stampi. Se dcidete di farli a mano, bastera’ modellare la pasta a forma di dito e volendo si puo’ aggiungere una mandorla al posto dell’unghia!

Spooky Witches Fingers

CIMG3346

Cosa non si fa per i figli…

 

Ieri alla preschool di Baby D hanno celebrato il Fall Festival… guai a dire la festa di Halloween (e meno male chesiamo nel paese dove hanno inventato Halloween!!!)… con tanto di sfilata in costume, giochi, trick or treat e spuntino speciale. Le mamme sono state coinvolte, ognuna doveva occuparsi di qualcosa. Ovviamente mi sono fiondata a prendermi il compito di preparare dei dolcini per i bimbi. Ma volevo rendere veramente speciale questo giorno. Cosi’, dopo aver dovuto rinunciare a fare la casa stregata per motivi “politici” (non tutti festeggiano halloween, quindi bisogna rispettarli e far finta che non esiste!!!), ho optato per la fattoria delle zucche, il pumpkin patch, che sono appunto delle fattorie che nelle settimane precedenti ad Hallowween, allestiscono una specie di parco-giochi con tanto di trenino, l’angolo degli animali (pet zoo), che possono essere toccati dai bambini, le “montagne” di zucche destinate sia alla vendita, sia messe li’ per poter fare le foto, la passeggiata nel “calesse” con la paglia (hay ride) tirato da un trattore… insomma un’occasione per far divertire le famiglie.

Ma ritornado alla scuola… siccome c’e’ in classe una bimba celiaca, ho preparato dei brownies gluten free (ho comprato il mix gia’ pronto), ho fatto dei frollini decorati gluten-freen da metter nelle loro borsette per il trick or treat, e la fattoria delle zucche in pasta di zenzero. Quando ho detto a mia madre quello che avevo in mente di fare, lei mi ha risposto: “Chi te lo fa fare?” Ed io semplicemnte:” E a te chi te lo ha fatto fare per me in tutti gli anni che ho trascorso a casa ?” MIa madre e’ rimasta muta –cosa rarissima – per qualche secondo e poi mi ha dato ragione (cosa ancora piu’ rara!!!).

Gingerbread Barn

CIMG6318

CIMG6320

CIMG6316

CIMG6319

Ecco i biscotti “imbustati”

CIMG6322

 

Ecco i brownies:

CIMG6330

Trick or treat?


Considerando che non si direbbe che questi biscotti decorati siano gluten-free, direi che e’ uno scherzetto che vi faccio. Ma sapendo che sono estremamente buoni, lo considero un dolcetto gradito!
Per questa ricetta ho usato un pacco di farina gluten free gia’ pronto con il mix di farine senza glutine, perche’ volevo testare il risultato e vedere la consistenza finale. Ho fatto, in realta’ la prova con due marche differenti, ognuna contenenti diversi tipi di farina:
  1. The gluten free pantry all purpose flour: farina di riso bianca, amido di patate, amido di tapioca, sale, guar gum
  2. Gluten-free all purpose flour Hodgson Mill: farina di riso integrale, amido di tapioca, amido di mais
Il risultato migliore – usando la stessa ricetta -  l’ho ottenuto con il primo mix: l’impasto e’ piu’ compatto da lavorare (anche se bisogna farlo riposare in frigo per diverse ore) e la consistenza e’ molto friabile, al punto che sono delicatissimi da maneggiare. Il secondo mix di farina e’ buono di sapore; ha la consistenza della nostra pasta frolla, ma si spezza quando si lavora, per la mancanza di guar gum o di xantham gum.
Se qualcuno volese cimentarsi con le varie farine e creare un proprio bacth, questo che ho trovato in rete sembra avvicinarsi molto al mix numero 1 che mi e’ piaciuto tanto. Tuttavia, almeno qui, costano meno i mix di farina gia’ pronti, che comprare le singole farine e farsi il proprio batch.

   2 cups farina di riso
   2/3 cup amido di patate
   1/3 cup farina di tapioca
   1-2 tsp. di xanthan gum


Frollini decorati gluten free


CIMG6304

500 gr di gluten-free all purpose flour (marca “gluten-free pantry”)
200 gr burro
200 gr zucchero
2 uova
1 bustina di lievito (gluten free)
estratto di lime

Impastare velocemente tutti gli ingredienti e far riposare diverse ore in frigo. Stendere l’impasto – non troppo sottile - tra due fogli di carta da forno e ritagliare i biscotti. Infornare a 180 C e cuocere per 15-20 minuti.


Per l’icing di copertura:

1 tazza di zucchero a velo
2 cucchiaini di glucosio
2 cucchiaini di latte o piu’ se serve
colorante alimentare q.b.

Mescolare tutti gli ingredienti e coprire i biscotti. Far asciugare all’aria per diverse ore.



Happy Halloween Black Cat Clip Art Comment



************

Con la stessa ricetta, ma con la farina della marca Hogdson Mill ho preparato dei frollini alla marmellata e cioccolato e dei mini apple pie.

CIMG6073

24 ottobre 2012

Bloody cupcakes

 

So che anche in Italia – sigh !!! – si tende a festeggiare Halloween e allora che ne dite di qualche scary cupcakes?!?

L’impasto e’ quello dell’ Hershey’s chocolate cake, ma ho sostituito la tazza di acqua con 600 gr di cherry pie filling, ovvero ciliege cotte con zucchero ed un po’ di cornstarch, semi-sciroppate ma meno dolci. Se non potesse trovarle, usate 300 gr di amarene sciroppate alla ricetta originale, senza sottrarre l’acqua.

Per il frosting, ho fatto il mio classico Cream cheese frosting alla vaniglia e ho provato una nuova ricetta di peanut butter frosting che e’ … to die for!!!

 

Murder gone wrong

CIMG6274

 

R.I.P.

CIMG6277

Itsy bitsy spider

CIMG6279

Where is the witch?

CIMG6283

Boo

CIMG6285

Bat

CIMG6284

23 ottobre 2012

Frostings and Icing

 

Dal momento che li uso spesso, ho deciso di creare un post dedicato ai frostings, cosi’ nel caso vi dovesse servire solo la ricetta della crema di copertura, sara’ piu’ facile da individuare!

photo (15)

Cominciamo da:

 

CREAM CHEESE FROSTiNG ALLA VANIGLIA

Preferisco questo frosting perche’ “l’acidita’” del formaggio contrasta meglio con lo zucchero per il mio palato. Il problema e’ che, qualunque frosting decidiate di fare, sono sempre molto dolci. Anzi, piu’ sodo volete il frosting – soprattutto se volete usare la sach-a-poche per fare il “ciuffo” sul cupcake, piu’ zucchero a velo dovrete usare. La proporzione di questa ricetta vi permettera’ di avere un forsting morbido, ma abbastanza sodo. Poi se non vi piace la vaniglia, o vi serve un altro gusto, bastera’ cambiare l’estratto!

225 gr cream cheese (philadelphia per capirci), morbido

50 gr burro, morbido

4 tazze di zucchero a velo

1 cucchiaino di estratto alla vaniglia

 

Montare a crema il burro col formaggio; aggiungere lo zucchero gradualmente ed infine l’estratto.

 

Variante alle fragole: vedi questo post

 

photo (14)

Peanut butter frosting

(adapted from here)

113 gr burro

225 gr peanut butter, cremoso

2 tazze di zucchero a velo

latte q.b.

 

Montate il burro col peanut butter; aggiungete gradualmente lo zucchero a velo e non vi spaventate se diventera’ un ammasso grumoso!!! Aggiungete 2-3 cucchiai di latte o piu’ se necessario e continuate a sbattere finche’ ritornera’ cremoso.

 

 

 

CIMG6781

Buttercream classico

Questa e’ la classica ricetta per la crema al burro americana. Con queste dosi otterrete la perfetta consistenza per usarlo sui cupcake. Ovviamente piu’ zucchero aggiugnete, piu’ sodo sara’ la crema, ma tendera’ a formarsi una crosticina asciutta sulla superficie.

250 gr burro morbido

1 cucchiaio di estratto (vanilgia, limone, arancio, caffe’ etc)

450 gr zuccheroa velo

4-5 cucchiai di latte ( o panna liquida)

1 pizzico di sale

 

Sbattere il burro, finche’ diventa chiaro in colore e soffice; aggiungere gradualmente lo zucchero, sbattendo finche’ ben amalgamato. Diluire con un po’ di latte e profumare con essenza a piacere.

 

Icing for cookies

Questo e’ la migliore ricetta di icing che abbia mai trovato (qui la fonte). Il segreto? Un po’ di corn syrup/glucosio nella glassa, che rende brillante la decorazione sui biscotti.

CIMG6608

 

120 g zucchero a velo

10 ml latte

10 ml  corn syrup/ glucosio

1 cucchiao di estratto a piacere

coloranti alimentari, se volete colorarlo

 

Mescolate accuratamente tutti gli ingredienti, aggiustando la densita’ del vostro icing con un po’ piu’ di latte o zucchero.

Recentemente ho letto di un altro piccolo trucchetto (che ho gia’ usato e mi e’ piaciuto!!!) per colorare e, allo stesso tempo, insaporire – invece di usare estratti e coloranti, il vostro icing: usare i preparati (qui uso la marca Jello, in Italia non so se ci siano polveri simili) per fare le gelatine di frutta. Basta aggiungere un po’ per dare sapore e colore; se poi volete un colore piu’ accentuato aumentate la dose.

 

frosting with jello

 

Italian buttercream

Questa e’ la tipica crema al burro “allegerita” da una meringa cruda. rispetto alal crema al burro americana richeide certamente piu’ tempo e pazienza, ma per me e’ moto piu’ delicata come consistenza e da quasi un senso di leggerezza alle torte ripiene. Potete ovviamente profumarla come volete. Io l’ho usata per una torta per un baby shower usando una delle bustine magiche della Duncan al sapore di zucchero filato e dal leggero colore celestino.Queste bustine permettono di dare qualsiasi sapore alle creme, dal cotton candy all’apple pie, dall’orange dreamsicle alla bubble gum.

5 ounces (140 gr) albumiphoto (22)

1 1/4 tazza (300 gr) di zucchero

1/3 cup  ( 80 ml) acqua

1 lb (450 gr) burro morbido

Fate bollire l’acqua e lo zucchero finche’ raggiungono la temperatura di 115 C.

Nel frattempo montate gli albumi a neve quasi ferma, versate a filo lo sciroppo nello sbattitore con il motore al minimo. Poi aumentate la velocita’ dello sbattitorre e sbattete finche’ la meringa si raffredda.

A questo punto potete aggiugnere il burro, un po’ alla volta, facendolo pbene incorporare. Dopo aver aggiunto tutto il burro potete mescolarvi essenze o liquori a piacere per profumare la crema.

20 ottobre 2012

Un grande incontro

 

Poche settimane fa ho ricevuto con grande anticipo il regalo di compleanno da parte della mia amica Jeannine: il biglietto per il Metro Cooking Show tenutosi ad Houston. E, fin qui, direte voi, che c’e’ di particolare! Si trattava di un biglietto per VIP, che includeva ingresso alla mostra generale, incontro privato per foto ed autografo del libro – incluso nel biglietto – del famoso chef francese Jacques Pepin e  accesso ad un suo cooking show.

La mostra di per se – un food show di prodotti locali – non era molto interessante, mi aspettavo qualcosa di nuovo sul mercato. L’incontro con Jacques Pepin invece e’ stato vermaente bello: innanzitutto e’ una persona molto umile, professionale e sempre sorridente. Inoltre, nonostante la differenza di eta’ di almeno 20 anni, era diventato molto amico con Julia Child, dopo una loro collaborazione. Jacques Pepin ha persino raccontanto un’aneddoto sulla loro relazione, dicendo che praticamente quello che diceva lui professionalmente era sempre contrastato da Julia Child e viceversa! La figlia di Pepin, presente anch’essa per gli autografi e per lo show, ha persino fatto l’imitazione della Child (ma non e’ riuscita ad eguagliare Marilyn Streep nel film “Julia and Julie”).

Comunque, vi metto alcune foto della mostra, tanto per farvene avere un’idea.

photo (8)

Pecan Pie di Goody’s Company

photo (9)

Cioccolattini

photo (10)

Homemade vanilal extract

photo (11)

Fugde

photo (13)

Cupcake di cioccolato riempito di cioccolattini da rompere col martello (incluso nel kit regalo!!!)

CIMG6035

Chef Jacques Pepin con la figlia

CIMG6038

CIMG6061

The cooking  show

 

Il suo ultimo libro

18 ottobre 2012

Semplicemente buono!

 

Trovare pesce fresco intero, non sfilettato, senza testa ne’ coda  qua e’ come trovare oro. Quando frequentavo la Culinary School e ne chiesi il motivo, lo chef mi rispose che qui alla gente non piace vedersi il pesce intero nel piatto: “They freak out!!!!” (ovviamente non tutti). Invece, ricordo quando ai matrimoni portavano il pesce intero , prima crudo per mostrarlo a tutti gli invitati, e poi cotto al sale con la maionese fresca o la citronette al limone come salsine di accompagnamento. A mangiarlo si sentiva nacora il sapore di mare… slurp!!!!

E cosi’, questa volta che ho trovato un bel dentice fresco fresco, con l’occhietto bello lucido che mi ammiccava dalal vetrina, ho pensato di farlo al sale, invece di cuocerlo al forno al limone come al solito. Buonissimo, percino Baby D. si e’ leccato i baffi!!!

Dentice al sale

CIMG6127

Ingredienti

1 dentice freschissimo da 1 kg

3 albumi

2 tazze di sale grezzo

rosmarino tritato fine + 2 rametti

1 limone

1 spicchio di aglio

CIMG6119

Sciacquare il pesce; mettere i rametti di rosmarino, l’aglio e le fette di limone nela cavita’ del pesce.

CIMG6120

A parte, montare gli albumi ed incorporarli al sale e al rosmarino tritato.

CIMG6121

Mettere 1/3 del composto di sale su una teglia e adagiarvi il pesce sopra;

CIMG6122

coprire completamente col restante sale.

CIMG6123

Infornare a 230 C per 25-30 minuti.

CIMG6124

Servire con patate al prezzemolo o una bella insalata!

Piccoli bimbi crescono…

 

Dopo la bottiglia, le pappe, i primi assaggi del cibo dei grandi, arriva il momento in cui vogliono mangiare da soli e studiare, toccare, schiacciare tra le dita e poi , finalmente , mettersi in bocca quel pezzetto di pappa. E allora ci si pone il problema di cosa cucinare, in modo che possano mangiare da soli, perche’ non vogliono essere piu’ imboccati (non che mi stia lamentando…anzi!). Di sicuro il concetto di finger food torna utile, ora piu’ che mai! E poi bisogna ricordarsi che devono mangiare anche le verdure insieme alla carne o al pesce. La soluzione piu’ facile e’ di sicuro la polpettina o l’hamburger fatto di carne e verdure insieme, cosi’ il pranzo e’ completo. La prima volta ho usato un mix di carne di tacchino macinata e carote, la seconda ho sostituito le zucchine alle carote, ma in entrambi i casi ho usato come flavor predominante la scorza del lime e il cilantro fresco per cercare di “ravvivare” il gusto del tacchino!

Polpettine di tacchino al profumo di lime e cilantro con salsa allo yogurt

 

CIMG4847

Ingredienti:

per l’impasto:

500 gr tacchino macinato

70 gr parmigiano grattuggiato

2 zucchine ( o carote), grattuggiate

scorza e succo di 1 lime

sale e pepe

1 uovo

50 gr pane integrale ammorbidito nel latte

cilantro fresco tritato fine

 

olio di oliva

farina q.b.

un po’ di brodo di pollo

 

Per la salsa:

yogurt greco

cilantro fresco

succo e scorza di lime

sale e pepe

 

Mescolare tutti gli ingredienti, facendoli ben amalgamare. Formare delle popettine e rotolarle in un po’ di farina. POi soffriggerle in una padella con un po’ di olio di oliva. Fatele rosolare, poi aggiungete un po’ di brodo di pollo, coprite col coperchio e proseguite la cottura finche’ sono cotte.

CIMG4853

Servitele con la salsa allo yogurt (NON FOTOGRAFATA) , ottenuta mescolando bene i vari ingredienti.

Sperando che la zucca non si trasformi in carrozza!!!

 

 

Cupcakes autunnali preparati in occasione di un family cookout nel rione!!!! Protagonisti delle tavole dell’autunno: zucche e mele!!! Ergo… cominciamo dalle zucche.

Pumpkin cupcakes

 

CIMG6138CIMG6140

Ingredienti:

Dry ingredients:

2 tazze farina

2 cucchiaini di bicarbonato di soda

1/4 cucchiaino di sale

1 cucchiaio di cannella in polvere

1/2 cucchiaino di zenzero in polvere

1/2 cucchiaino di pepe di giamaica in polvere

1/4 di cucchiaino di chiodo di garofano in polvere

 

Wet ingredients:

1 cucchiaino di estratto di vaniglia

4 uova

400 gr pure’ di zucca

 

225 gr burro morbido

1 tazza di zucchero

1 tazza di zucchero melassato (brown sugar)

 

Montare gli zuccheri con il burro finche’ chiaro in colore e spumoso. Aggiungere le uova, una alla volta, facendo amalgamare bene. Poi versare 1/3 della farina, mescolando appena; aggiungere meta’ della zucca e l’estratto di vaniglia; poi di nuovo 1/3 della farina, seguita dalla restante zucca e concludendo con la farina. Amalgamate bene, senza mescoalre troppo la farina per non far sviluppare il glutine (che renderebbe i cupcake gommosi). Infornare a 180 C – in forno caldo – per 15-20 minuti. Controllaresempre con lo stuzzicadente. Fate raffreddare, poi decorate con il cream cheese frosting all’arancio.

Cream cheese frosting:

225 gr formaggio cremoso, morbido

50 gr burro, morbido

4 tazza di zucchero a velo

1 cucchiaino di estratto di arancia

Montare burro e formaggio; aggiungere lo zucchero e l’estratto. Decorare i cupcakes.

Volendo, aggiungere la zucchetta in fondant per decorare e colorante arancio per fare i cupcakes color zucca.

Un cupcake per tutte le stagioni

 

Autunno… tempo di mele e zucche anche per i cupcakes!!!!

CIMG6142

Pumpkin cupcakes

CIMG6144

Apple pie cupcakes

Ed in caso a qualcuno non piacciano frutta e verdura:

CIMG6143

Oreo cupcakes

CIMG6151

Quel giorno ho sfornato 80 cupcakes!!!!

4 ottobre 2012

Just like the one in the famous box…

 

but so much better!

Parlo dei mac and cheese americani, quelli che, fatti dalla scatola, sono sempre liquidi e formaggiosi ed estremamente gialli!!!! Sicuramente poco salutari ma cosi’ buoni!!! Ogni volta che provavo a farli mi venivano sempre troppo asciutti e mi avevano detto che l’unico modo di averli cremosi come quelli della scatola era usare il Velveta (una sottospecie di formaggio che si scioglie e non si solidifica piu’!). Ma tutto sta nel trovare la ricetta giusta (questa ricetta di Paula Deen) e cambiare qua e la’ qualcosa e il risultato e’ perfetto. Di solito i mac and cheese sono come  i nostri maccheroni gratinati con la bechamella e si usa uno speciale tipo di pasta (elbow macaroni); questa e’ la versione “stove –top”, spesso si trova come contorno nei menu’ di molti ristoranti americani o nei menu per bambini.

 

Stove top mac and cheese (USA)

CIMG6072

250 gr campanalle Garofalo
2 cucchiai di burro
2 uova
3/4 tazza di panna liquida
sale e pepe a piacere
1 cucchiaino di curcuma
noce moscata a piacere (optional)
2 tazze di cheddar (quello arancione per intenderci!), grattuggiato a fori larghi
1 cucchiaio di formaggio cremoso

 

Mescolare le uova, la panna, sale, pepe, noce moscata e curcuma. Cuocere la pasta al dente, scolarla e condirla col burro. Rimettetela su fuoco lento e versatevi il composto di uova, amalgamando bene. Aggiungetevi i formaggi, fate sciogliere e servite subito!

2 ottobre 2012

Traditional with a twist

 

Quando e’ nato Baby D. ho scoperto un bellissimo gesto che fanno qui amici e vicini per i neo genitori: the meal train. Si tratta di una catena di pasti che vicini ed amici procurano alle famiglie in necessita’ (neogenitori, persone che hanno subito interventi, ammalati, persone anziane o in difficolta’ etc). In pratica, nel mio caso specifico il gruppo del Bible study a cui avevo iniziato a partecipare pochi mesi prima di avere il mio bimbo, mi hanno portato a casa per due mesi la cena, a giorni alterni, per evitare che dovessi preoccuparmi del pasto con un bimbo appena nato.

Mi rendo conto che in Italia una necessita’ del genere non c’e’, perche’ c’e’ la famiglia accanto, ma in un paese cosi’ vasto, dove spesso le famiglie vivono in stati diversi, l’avere dei buoni amici e buoni vicini e’ veramente un dono prezioso.

Pochi mesi fa, alcune mamme del mio rione hanno avuto dei bimbi e, memore e grata della mia esperienza, ho voluto ricambiare, anche se queste mamme le aveva appena visto mezza volta al parco. Semplicemente perche’ le buone azioni ricevute non si devono dimenticare!

Questo e’ il secondo meal train che ho preparato e ho seguito i criteri dei pasti che ho ricevuto:

- insalata autunnale con vinaigrette al balsamico

- chicken pot pie (questa ricetta)

- chocolate raspberry brownies

La ricetta del chicken pot pie classico l’ho gia’ postata qui. In questo post, invece, riporto una ricetta che ho preso dalla rivista Cuisine at home # 95, che prevede l’aggiunta di mele e patate dolci e in piu’ con la crosta di pasta sfoglia. Ho pensato di agigungerci un twist in piu’ e ho usato il manzo al posto del pollo. In realta’, la ricetta – che serve 8 persone – l’ho dimezzata mentre la preparavo ed in contemporanea ho preparato un chicken pot pie, da regalare ed un beef pot pie per la nostra cena. Vi riporto la ricetta integra con le mie modifiche a lato.

Beef pot pie (USA)

CIMG6008

500 gr pasta sfoglia

3 1/4 tazze brodo di carne

2 tazze di patata dolce americana, a dadini

1 1/2 patate, a dadini

1 tazza di cipolle, tritate

1 tazza di sedano –> 2 tazze di carote, a dadini

3 spicchi di aglio tritati

500 gr di carne di manzo per spezzatino, tagliata a piccoli cubetti

1/2 tazza di panna liquida

1/3 tazza di farina

2 cucchiaini di curry in polvere (o piu’ se piace)

1/4 cucchiaino (o piu’) di cannella in polvere

1 mela verde, a dadini

1 lime, solo il succo

1 mazzetto di cilantro fresco tritato

1/2 tazza di piselli congelati –> 1 tazza

sale e pepe q.b.

 

Per la sfoglia:

Tagliate la pasta sfoglia in strisce ed intrecciatele, come da foto. Mettete in frigo.

CIMG5989

Per il ripieno:

Cuocete le patate, carote, cipolla e aglio in 2 1/2 tazze di brodo finche’ leggermente tenere, 10-15 minuti (dipende da quanto piccoli sono state tagliate le verdure).

A parte mescolate con una frustina il restante brodo con la panna, il curry, la cannella e la farina e versatelo nel brodo con le verdure e fate cuocere finche’ inizia a bollire; unitevi il pollo, le mele, i piselli, il cilantro, il succo di lime ed insaporite con sale e pepe. Versate in una teglia da lasagna leggermente unta di olio. Infornate a 180 C, fono caldo, per 25-30 minuti, finche’ sembrera’ bollire nella teglia. Nello stesso tempo, infornate anche la sfoglia finche’ dorata. Appoggiate la crosta sul pie prima di servire, cosi rimane croccante.

CIMG6013

Variante CHICKEN POT PIE:

 

- Sostituite il manzo con  1 pollo da rosticceria (o 3 tazze di pollo cotto) tagliato a pezzi

- sostituite il brodo di manzo con brodo di pollo

CIMG6003

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails

That's us!