5 agosto 2013

Mare… profumo di mare…

 

Uno dei piatti che ho inseguito per anni, mentre vivevo negli States, dopo averlo visto in tv e riviste, e’ stato sicuramente il clambake. Eppure non e’ difficile, e’ un semplicissimo piatto di verdure e pesci cotti al vapore… ma ha un suo fascino se fatto in modo giusto. Il clambake e’ tipico del New England, regione famosa per la freschezza e la qualita’ di pesci e crostacei e soprattutto aragoste.

Il metodo di cottura originario – ed e’ questa la parte che mi ha tanto colpita – e’ la cottura a vapore in un buco scavato nella sabbia, usando le pietre come veicolo di calore e le alghe per coprire il tutto, alternado pesce freschissimo, per lo piu’ molluschi ed aragoste o gamberi con spighe di mais, patate novelle, carote e a volte persino la chorizo. Di solito, si copre il tutto con sacchi di juta bagnati in acqua marina, in modo da permettere una cottura ottimale. Ci vogliono diverse ore prima che il tutto sia cotto, ma dopo… e’ uno spettacolo per gli occhi e il palato!!!

La versione che propongo, presa dalla rivista di Martha Stewart, e’ un’ottima alternativa da fare a casa sui fornelli, ma si puo’ fare – sempre  usando una pentola profonda (io ho usato la pentola per la pasta con tanto di cestello scolapasta) – anche al campeggio o al mare (se c’e’ il permesso per accendere i fuochi).

Il segreto per il successo di questo piatto e’ aggiungere gli ingredienti nell’ordine preciso, da quelli che cuociono piu’ a lungo a quelli con la cottura piu’ breve.  Le alghe sono facoltative, ma se le trovate, sicuramente aggiungerando piu’  “sapore di mare” al tutto.

Come dose di ingredienti vi riporto la versione originale della ricetta, che serve  8 persone. Ma mi sono regolata a modo mio e non ho usato aragoste vive, perche’ non ho il coraggio di ucciderle, quindi ho preso le code di aragoste (una a testa). Tra l’altro, ho dimenticato di mettere la salsiccia spagnola, ma non e’ ho sentito la mancanza!

Secondo la tradizione, quando cotte, andrebbero servite su una tavolata ricoperta di fogli di giornale, senza posate, ne’ piatti, cosicche’ alal fine, tutti gli avanzi vanno “incartati” nei fogli di giornali e gettati via, senza sporcare null’altro!

 

STOVE-TOP CLAMBAKE (New England – Usa)

DSC00481

Ingredienti x 8:

  • 2-3 cipolle medie, tagliate in quarti
  • 6 spicchi di aglio
  • 1 bottiglia di birra
  • 1 tazza di acqua
  • alghe fresche (facoltative)
  • 700 gr patatine novelle
  • 450 gr di salsiccia secca, chorizo, affettata
  • sale grosso
  • 3 aragoste (io ho usato 1 coda di aragosta a persona)
  • 36 littleneck clams/ vongole
  • 4 spighe di mais,
  • 1 kg cozze
  • 700 gr gamberi non sgusciati
  • 2 cucchiai burro (optional)
  • 2 limoni, tagliati a spicchi

 

Mattere le cipolle, l’aglio, acqua e birra nella pentola. Coprire con le alghe – se le usate – o aggiungete il cestello per scolare sopra lo strato di liquidi e cipolla.

DSC00473

Nel basket mettete le patate intere, la salsiccia (se la usate) e 1 cucchiaio di sale. Portate a bollore, cprendo con un coperchio.

DSC00474

Aggiungete le code di aragoste ( o le aragoste), fate cuocere per 15 minuti (se usate le aragoste); io ho cotto per 5 minuti le code di aragosta.

DSC00475

Aggiugnete le vongole e il mais. cuocete per altri 5 minuti.

DSC00476

Create un altro strato con le cozze e i gamberi e fate cuocere altri 5-6 minuti.

DSC00477

A questo punto tutti gli ingredienti dovrebbero essere cotti. Rimuovete con cura dal cestello, metteteli in una ciotlo ben larga. Filtrate il liquido che si e’ formato sul  fondo della pentola ed fatevi amalgamare un cucchiaio di burro, volendo. Versate sul piatto con i crostacei e servite con fette di limone.

DSC00484

This work is licensed under a Creative Commons license.

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails

That's us!