22 febbraio 2013

Piccoli cowboy crescono!

 

Anche se la festa non e’ stata proprio in tema western/cowboy, la torta per il mio piccolo texano non poteva che essere che questa:

 

Torta Cowboy

Torta Sacher coperta di MMF fondant

CIMG6915

 

cupcakes sacher

 

Torta sacher infornata nei pirottini di carta, poi svuotati al centro e riempiti meta’ con marmellata di albiccocche e meta’ con marmellata di lamponi. Come frosting ho usato questo chocolate ganache frosting.

 

CIMG6920

21 febbraio 2013

Game on… and birthday party!

2 compleanno di Davide


Lo so che son passate un paio di settimane, ma si sono accavallate troppe feste e ricette negli ultimi giorni. Cosi’ solo ora posso finalmente pubblicare le ricette della festa di compleanno di Baby D. E siccome quest’anno ha compiuto due anni… due feste… due torte!!! La prima festa e’ stata fatta a scuola, insieme ai suoi piccoli compagni; la seconda ovviamente con la famiglia americana, ovvero gli amici piu’ cari che abbiamo qua (perche’ le famiglie sono in Italia). E cosi’, se l’anno scorso abbiamo celebrato in Italia con tanto di fuochi di artifico, quest’anno abbiamo festeggiato american-style. E cosa c’e’ di piu’ americano del superbowl (ovvero la finale del campionato di football)? Cosi’, il 3 febbraio 2013, mentre in televisione trasmettevano la partita (Ravens vs 49ers) e Beyonce “was shaking it”  durante l’intervallo, Baby D. scartava pacchetti, correva a destra e sinistra insieme agli altri bimbi e, se poteva, combinava pure qualche guaio!! Alla fine, e’ stata anche una scusa per rilassarci tutti, adulti e bambini e, per me, motivo per fare una bella cucinata per gli amici.
Come tema della serata, siccome Baby D. e’ un piccolo cowboy texano, ho optato per un buffet di tacos e chili (classica scelta come game food) con tutti  gli accompagnamenti: guacamole, pico de gallo, salsa de pina. E come dolce, sia la torta che i cupcakes erano sacher con ganache al cioccolato.
Everybody enjoyed themselves, above all… Baby D!!! Happy happy birthday my little man !

Game Menu (TEX-MEX)

Tacos de faisan (fagiano)
CIMG6938

CIMG6937
CIMG6940
CIMG6930

Torta cowboy
CIMG6910

17 febbraio 2013

Quanta fatica, ma che soddisfazione!!!

 

Vi invito a provare questa ricetta con tutto il cuore: e’ fenomenale! Ci vuole pero’ un bel po’ di tempo per eseguirla, anche se produrrete quantita’ industriali (eventualmente congelate la quantita’ che non consumate al momento e, sono certa, vi tornera’ utile in qualche altra occasione speciale) e, per eseguirla, dovete pianificarla in tempo. La prima volta che li ho fatti e’ stato per il pranzo di Natale e, ieri sera, con qualche variante, li ho rifatti (usando il trucchetto del freezer!).

La ricetta l’ho trovata qui e, mi perdoni, l’autrice del blog, ma per capire la sua ricetta ce ne ho messo: diciamo che le piace parlare scrivere, e scrivere, e scrivere.. per cui ho fatto una fatica per estrapolare ingredienti e procedimento, ma la ricetta e’ strepitosa! Se vi capitasse un fagiano per caso, non esistate ad incapsularlo in questi ravioli gourmet! E, se dovesse preoccuparvi del sapore di selvaggina troppo forte, sia la marinatura sia la cottura del faginao nel latte, lo attenueranno del tutto. E, siccome la ricetta e’ lunga… BUONA LETTURA!

Ravioli di Fagiano con ragu’ di funghi e timo

CIMG6702

Marinatura:

1 fagiano pulito
1 bicchiere di di plastica di misto di verdure tritate per soffritto (carota, sedano, cipolla)
latte quanto basta per coprirlo
aglio
spezie ed erbe fresche (rosmarino, bacche di ginepro, salvia, chiodo di garofano, pepe nero)

Fate marinare tutta la notte in frigorifero.

Ingredienti per la cottura:

1 bicchiere di di plastica di misto di verdure tritate per soffritto (carota, sedano, cipolla)
un po’ di burro
un filo d'olio evo
6 fettine di pancetta
2 spicchi d'aglio privati del germe
1 rametto di rosmarino fresco
2 bacche di ginepro
2 foglie di salvia
1 chiodo di garofano
Brandy o cognac per sfumare
spezie di provenza
pepe & sale
1/2-3/4 di l. circa di latte (io ho usato Half&half)
200 ml di panna da cucina

Fate soffriggere il soffritto nell’olio e nel burro, insieme alla pancetta per qualche minuto. Aggiungete l’aglio e rosolate per 30 secondi. Poi Mettetevi il fagiano, scolato dalla marinatura, spolvertelo con le erbe fresche tritate e le spezie e fate rosolare. Dopo averlo fatto rosolare da tutti i lati, sfumate con il liquore (o anche vino volendo), cercando di rimuovere tutto il fondo di cottura e poi coprite con latte. Aggiustate di sale e pepe. Abbassate la fiamma al minimo, coprite e fate cuocere per 1 ora. A questo punto controllate il liquido di cottura , aggiungete la panna e un po’ di latte (due dita dal fondo) e fate cuocere per un’altra mezz’ora senza coperchio.

Finita la cottura, fatelo raffreddare, poi rimuovete tutta la polpa, facendo attenzione ad eventuali pallini ed ossicini.

Ripieno:

il fagiano cotto con proprio sughetto
tanto Parmiggiano Reggiano grattuggiato
una grattatina di noce moscata
pangrattato

Mettete la polpa di fagiano, il sugo di cottura e due cucchiai di pangrattato, noce moscata grattuggiata a piacere e tanto parmigiano grattuggiato (pari ad almeno 1/3 della carne) nel robot da cucina e tritate fino ad ottenere un composto omogeneo, tipo pate’. Deve essere un composto piuttosto sodo: se troppo duro, dilutie con del latte/panna; se, al contrario, troppo soffice, aggiustate con del pangrattato e/o del parmigiano

CIMG6692

Per la sfoglia fresca:


600 gr farina
3 uova
1 mestolo di acqua tiepida
sale q.b.
qualche cucchiaio di olio di oliva

Lavorare tutti gli ingredienti, ottenendo un impasto omogeneo. Far riposare la pasta almeno mezz’ora avvolta in pellicola trasparente.

Per fare i ravioli

Stenderla in strisce sottile (io arrivo a 5-6 numero di rullo del Kitchen Aid). Mettere un po’ di ripieno sulle strisce di pasta, a mucchietti distanziati. Corpire con un’altra striscia di pasta e sigillalre i ravioli. Metterli su una teglia cosparsa abbondantemente di semolino (questo, a differenza delal farina, essendo piu’ pesante, tendera’ a cadere sul fondo della pentola dell’acqua durante la cottura, invece di rimanere attaccata alla pasta del raviolo).

Condimento: funghi affettati sottili saltati in abbondante burro e timo fresco, sale e pepe e spolverata di parmigiano (optional)

 

Variante “SCENOGRAFICA”

Per una presentazione piu’ carina, provate a mettere delle foglie di erba fresca sulla sfoglia tirata quasi all’ultimo giro (qualunque numero voi decidiate di fare; io mi sono fermata al 5, ho messo il prezzemolo e ho tirato un altro giro col rullo numero 6) –> foto a sinistra in basso

 

photo (4)

Se poi decidete di “sperimentare” ed ottenere un effetto “maculato” (foto in alto a destra), mettete le erbe dopo aver passato la sfoglia per la prima volta nel rullo, piegatela e continuate attraverso i vari rulli, piegando la pasta e ricominciando a stenderla ogni volta.

 

Ravioli con crema di funghi

Questa e’ una variante piu’ cremosa: ho fatto nocciolare del burro, vi ho aggiunto del concentrato di zuppa di porcini e fatto amalgamare; ho diluito con della panna fresca, un pizzico di sale e abbondante pepe nero. Finire il tutto con prezzemolo fresco tritato e sale ai porcini

photo (5)

15 febbraio 2013

Be My Valentine

Red heartRed heartRed heart

San Valentino 2013

Per il giorno di San Valentino – che qui in Usa non e’ per niente solo la festa degli innamorati !!! – Baby D. ha festeggiato a scuola con un bel party: hanno avuto uno special snack, hanno decorato il sacchettino per i regali che si sono scambiati in classe tra i compagni e una delle mamme ha letto loro una bella favola sull’amore per le mamme e i loro bimbi.

photo (7)

Quindi immaginate la mia cucina in fermento, dal momento che mi sono offerta (come al solito) di preparare gli snack speciali per i bimbi e, dal momento che stavo con le mani in pasta, ho preparato anche i regalini per i bimbi e le maestre. Ma procediamo con ordine…

 

Conversation Heart Chocolate Sugar cookies

Per chi non li conoscesse i conversation hearts sono dei confettini di zucchero nei colori pastello tipici di San Valentino che hanno delle scritte stampate tipo XOXO, BFF (BEst Friend Forever), Kisses, Hugs, LUV (Love) etc. Dopo aver fatto i cupcakes diversi anni fa prendendo spunto da queste caramelline, quest’anno ho deciso di fare i biscottini, per riempire gli scatolini , insieme a confettini di cioccolata,  da regalari ai compagni di classe di Baby D. come gift exchange.

La ricetta e’ una pasta frolla al cioccolata montata, la cui ricetta l’ho presa da qua. con mezza dose ho fatto un centinaio di cuoricini usando un cookie cutter di 3 cm di diametro.

photo (10)

Ingredienti:

355 grammi farina

75 grammi cacao amaro

pizzico di sale

4 grammi di lievito per dolci

227 grammi burro morbido

350 grammi zucchero

2 uova

2 cucchiaini di estratto di vaniglia (io ho usato arancia)

icing fatto con jello

Montare lo zucchero con il burro, aggiungere le uova una alla volta e far incorporare bene. Unire la vaniglia ed infine la farina, precedentemente setacciata con lievito e sale, ottenendo un impasto omogeneo. Far riposare la pasta per almeno un’ora in frigo. Poi stenderla dello spessore desiderato, ritagliare i biscotti ed infornare a 180 C per 10-12 minuti (dipende dalla misura dei biscotti). Far raffreddare prima di decorare con la glassa di zucchero.

photo (3)

Per l’icing la ricetta la trovate qui.

 

Mini JAM PIEs POPS

Come special treat per i bimbi ho pensato a dei mini pie pops, con semplice marmellata come ripieno; ma potete usare nutella, frutta, o persino formaggio e prosciutto, per una versione salata.

photo (5)

Pie crust

Marmellata a piacere (io ho optato per quella di albicocca)

Riagliate dalla pie crust due cuori per ogni mini pie. Mettete su un cuore un po’ di marmellata e lo stechino di legno, coprite con l’altro cuore e sigillate i bordi usando i rebbi di una forchette. Spennellate con un po’ di albume sbattuto e spolverizzate con zucchero.

Infornate a 200 C per 10-12 minuti – dipende dalla grandezza –, finche’ leggermente dorati.

 

Piccoli petit four con ganache al cioccolato e rum

Per le maestre, invece, ho optato per dei piccoli dolcetti allo zucchero melassato e profumo di mandorle, ricoperti da una ganache al cioccolato fondente profumata al rum. La ricetta di seguito.

photo (6)

E a tutti Buon San Valentino (anche se con un giorno di ritardo!!!)

photo (8)

Tutti i segreti per un’ottima “pie crust”

basic

Questa e’ la versione americana della pasta brisee’, che usano per fare tutti i pie. Si puo’ usare solo lardo, per avere una sfogliatura piu’ fragrante; solo burro, per una pasta con una sapore migliore ma piu’ compatta; meta’ lardo e meta’ burro, per ottenre un perfetto equilibrio di sapore e friabilita’.

Il miglior risultato l’ho otterrete usando un robot da cucina con le lame, perche’ sara’ piu’ veloce da eseguire, facendo si’ che gli ingredienti non si riscaldino. Meno lavorerete l’impasto, migliore sara’ il risultato!

PIE CRUST (USA)

CIMG0573

Ingredienti

(dose per poter fare 1 pie completo)

  • 250 g farina

  • 6 g sale

  • 200 g burro o lardo (o meta’ e meta’)

  • da 6 a 10 cucchiai di acqua ghiacciata

Mettete la farina e il sale nella ciotola del robot. Usate l’opzione “pulse” e mescolate per pochi secondi il tutto (questo servira’ ad "areare” la farina). Mettee il burro a pezzetti e, sempre col pulsante “pulse”, premete 16-18 volte, non di piu’ (risultato garantito!!!!): otterrete una farina con dei granutli di burro/lardo che resemblano pisellini. Questo e’ quello che volete. Aggiugnete un paio di cucchiai di acqua ghiacciata e azionando pulse fate fare un paio di giri. Poi aggiugnete altri 4 cucchiai di acqua e azionate facendo mescolare finche’ si iniziera’ a formare una palla compatta. Se dopo pochi giri l’impasto e’ ancora granuloso, aggiungete un cucchiao di acqua alla volta.

Quando l’imapsto sara’ pronto, avvolgetelo in pellicola e fte riposare in frigo per qualche ora. Il mio consiglio e’ di prepararlo sempre il giorno prima.

Note:

- Tutti gli ingredienti devono essere estremamente freddi, soprattutto il burro. Come consiglio, lo si puo’ tagliare a dadini e tenere in freezer per un po’ ed poi aggiungerlo direttamente alla farina dal freezer. Poi potete pesare la farina e tenerla nella ciotola del robot da cucina per una mezz’oretta prima di procedere.

- Per avere l’acqua ben ghiacciata, mettete dei cubetti id ghiaccio in un bicchiere con l’acqua che vi serve. La quantita’ purtroppo varia a seconda della temperatura (se e’ umido vve ne servira’ meno; se e’ asciutto un po’ di piu’); dal tipo/marca di farina usata.

- Potete aggiugnere all’impasto 1 cucchiaio di aceto bianco (di mele sarebbe l’ideale), che aiuta a rilassare l’impasto, a renderlo piu’ maneggevole nello stenderlo col matterello e aiuta a prevenire il restringimento della pasta durante la cottura.

- Il modo migliore per stendere l’impasto, senza aggiungere altra farina, che altererebbe la proporzione di farina/burro/acqua, e’ quello di mettere l’impasto tra due fogli di carta da forno o di pellicola e stenderlo; sara’ cosi’ piu’ facile anche prenderlo dalla spianatoia, sollevandolo con tutta la pellicola, e rovesciandolo nella teglia. A quel punto si puo’ togliere la carta e la pasta sara’ perfettamente stesa. E – come bonus – meno farina da pulire!!!!

CIMG0575

- Se vedete nell’impasto dei pezzetti di burro ancora interi (vedi macchie bianche nella foto sottostante), non vi preoccupate. Anzi, volete vederli perche’ sono il segreto per ottenere una pasta piu’ friabile.

CIMG0576

11 febbraio 2013

Due cuori… un pudding al cioccolato!

 

Ho fatto questi bicchierini di crema per il book club di Gennaio, ma possono essere fatti anche per San Valentino, dal momento che non solo sono veloci da preparare ( e questo potrebbe essere un bonus, visto che la festa capita durante la settimana), ma e’ un dolce al cioccolato, ergo… un must per la festa piu’ coccolosa/cioccolattosa dell’anno. Che la si voglia festeggiare o no, questo dolce e’ comunque invitante!

Pudding al cioccolato e ciliege

CIMG6772

1/2 litro di latte di mandorla (o altro “latte” privo di lattosio)

5 cucchiai da minestra colmi di zucchero

4 cucchiai da minestra di farina

1 uovo intero

essenza di mandorla

150 gr di cioccolato fondente o piu’

amarene fabbri

biscotti di pasta frolla per decorare

 

Riscaldare il latte in un pentolino; nel frattempo, sbattere l’uovo intero con lo zucchero, finche’ sono bene amalgamati; aggiugnere la farina, mescolando bene e poi temperare con 1/3 del latte caldo. Versare il composto nel pentolino insieme al resto del latte e far cuocere a fuoco basso. Appena inizia a sobbollire togliere dal fuoco. Aggiungete il cioccolato fondente, almeno 150 gr o piu’ se volete, e mescolate finche’ il cioccolato sara’ completamente sciolto. Unite l’estratto. Far raffreddare, coprendo con la pellicola trasparante (deve toccare la superficie della crema, cosi’ non si formera’ la pellicina) prima di mettere nei bicchierini.

Per completare, versare 2-3 amarene fabbri con il loro sciroppo sul pudding e decorare con un biscotto.

CIMG6770

A book and a girl night out … at my house!

 

E questa volta il meeting per il book club delle mamme si e’ tenuto a casa mia, dal momento che ho anche scelto il libro! O meglio, il libro ha scelto me… Sapete quando vi arrivano le email pubblicitarie e, invece di cestinarle, le leggete? Ecco, questa volta un negozio di libro stava appunto pubblicizando la selezione mensile di alcuni libri e un titolo mi ha colpito. Ho letto la trama e ho deciso che sarebbe stato il libro che avrei selezionato quando fosse capitato il mio turno. Il libro di intitola “The light between oceans” di M. L. Stedman. Non vi racconto la trama, perche’ a quanto pare stanno per farne anche un film ed a raccontarlo diventa troppo complicato. Pero’ vale la pena leggerlo…

Per il menu ho optato per cibi leggeri – eccetto il pate’ che e’ ricco!!!! – e privi di lattosio, eccetto per l’insalata di pasta che contiene feta sia nel condimento sia negli ingredienti; e le pizzette sulle quali ho spolverato del parmigiano. Persino i dolcetti sono fatti con olio e acqua (ricetta del ciambellone di Adelaide) e la crema al cioccolato e’ stata fatta usando latte di mandorle (non quello che si usa diluito nell’acqua !). Non ho seguito una ricetta precisa per alcuni piatti e le salse (hummus di melanzane e tzaziki) le ho comprate. Vi metto gli ingredienti accanto ai nomi dei piatti che ho fatto ad occhi.; per le altre ricette seguiranno posts piu’ precisi!

BTW… le foto non sono il massimo, perche’ mi ero dimenticata di scattarle prima che iniziassimo a mangiare!

 

Book club menu


Pate' di fagiano  &  crudite' di verdure accompagnate da salsa tzaziki e hummus di melanzane

CIMG6774


Pizzette ( toppings: funghi saltati in padella con aglio e olio e parmigiano; salsiccia e peperoni dolci rosolati in un po’ d’olio e parmigiano)

CIMG6777
Conchiglioni ripieni di greek pasta salad  with greek dressing

(conchiglie di pasta grandi cotte, da riempire con conchigliette di pasta piccole, cetriolo, pomodori, cipolla rossa, olive nere, formaggio feta sbriciolato: dressing: olio, origano, feta, sale, aceto, aglio)

CIMG6773

Fusion Summer rolls with arugula prosciutto melone


CIMG6775

Egg rolls di tacchino

(tacchino macinato, zenzero fresco, aglio tritato, erba cipollina, sale, pepe, qualche goccia di olio di sesemo, amido di mais ed albume)

CIMG6776


Choco pudding with cherries and sugar cookies

(crema al cioccolato dairy-free con ciliege e biscotti di frolla)

CIMG6770


Lemon blossom

(mini dolcetti gluten-free, dairy free al profumo di limone con glassa al limone)

lemon blossom

2013: The (Chinese) year of the black snake

 

Per celebrare il nuovo anno cinese, che si festeggia tra il 10 e l’11 FEbbraio, ho ripescato dalle mie ricette - provate e mai postate – un piatto non proprio cinese, ma che rimane comunque nell’ambito asiatico. Si tratta di un piatto indonesiano di fried noodles (io adoro noodles in qualsiasi forma!!!): bahmi goreng, che significa “noodles gialli” ed hanno delle affinita’ con i lo mein cinesi. E’ una ricetta che ho letto sulla rivista Gourmet (Maggio 2007, pagina 211) e la potete trovare anche sul sito Epicurious, a questo link.

La ricetta e’ un po’ time-consuming, ma il risultato ne vale la pena! L’importante e’ prepararsi tutti gli ingredienti, step- by step, e poi l’assemblaggio finale sara’ veloce e facilissimo.

Vi riporto la ricetta originale, anche se io ho dimezzato le dosi e ho apportato alcune modifiche (che riportero’ a lato) non avendo trovato tutti gli ingredienti.

Bahmi goreng (Indonesia)

Indonesian fried noodles

CIMG5803

Ingredienti:

  • 3 scalogni grandi, affettati sottili la mandolina
  • 1/2 tazza di olio di semi di arachidi
  • 450 gr di Chinese egg noodles (o secchi) –> ho usato i secchi
  • 1/2 tazza di brodo d ipollo o acqua
  • 3 cucchiai di  ketjap manis (Indonesian sweet soy sauce) * vedi nota
  • 1 1/2 cucchiaio di fish sauce
  • 1 cucchiaio sambal oelek or Sriracha (Southeast Asian chile sauce), o a gusto
  • 1/2 cucchiaino di pepe nero
  • 3/4 cucchiaino di sale
  • 1 (14- to 16-ounce) tofu, quello duro –> ho usato 250 gr (per mezza dose di tofu) gamberi sgusciati e puliti
  • 4 uova
  • 2 cipolle, julienned
  • 2 cucchiaini di aglio tritato
  • 1/4 cucchiaino di peperoncino piccante fresco tritto finissimo –> l’ho omesso perche’ lo sriracha e’ gia’ piccante per me
  • 170 gr taccole, tagliate  a meta’ in diagonale
  • 170 gr fagiolini verdi tagliati in diagonale a meta’
  • 2 cipollotti verdi, affettati a fettine sottili in diagonale
  • Friggere nell’olio di semi, a temepratura moderata, gli scalogni affettati per 8-12 minuti, finche’ ben dorati, ma non bruciati!!! Scolarli su carta e tenerli da parte. Diventeranno croccanti raffreddandosi. Non gettare l’olio.

    Cuocere i noodles, freschi o secchi,  al dente; scolarli e farli raffreddare sotto l’acqua corrente per bloccare la cottura. Condirli con un po’ dell’olio tenuto da parte e tenerli da parte.

    Mescolare il brodo/acqua, la salsa di soia dolce, la salsa di pesce, la salsa piccante, sale e pepe e la salsina e’ pronta.

    Se usate il tofu,  tagliatelo a dadi di 2 cm ed asciugateli con carta da cucina.

    Sbattete le uova con un pizzico di sale. Riscaldate 1 cucchiao dell’olio di scalogni tenuto da parte e fate una frittatina sottile. Toglietela dala padella, arrotolatela e tagliatela a strisce.  Tenetela calda coperta con carta argentata.

    Riscaldate il resto dell’olio rimasto e stir-fry le cipolle con un pizzico di sale per 8-10 minuti, finche ‘ ben caramellizzate. Aggiungete l’aglio e il peperoncino fresco – se lo usate – e stir-fry per 1 minuto; unite il tofu e cuocete, sempre mescolando, per 3 minuti. A questo punto aggiungete le taccole e i fagiolini e stir-fry per 5 minuti. Versate la salsina che avevate preparato e portate a bollore; versatevi i noodle e mescolate tutto – aiutandovi con due forchette o spatole – facendo ricoprtre bene i noodles con la salsina e facendoli, allo stesso tempo, riscaldare ben bene.

    Versate su un piatto di servizio, ricoprendo con le fettine di frittastina. Distribuitevi i cipollotti freschi affettati e gli scalogni fritti.

     

    CIMG5800

     

    Nota:

    Ho fatto una ricerca in web per vedere con cosa potevo sostituire la ketjap manis. Questo il metodo che ho seguito: fate ridurre della meta’ 1/4 tazza di salsa di soia + 1/4 tazza di zucchero di melassa. Il risultato vi dara’ qualcosa di molto simile alla salsa di soia dolce.

    8 febbraio 2013

    Thai for two

     

    Pochi giorni fa sono andata al supermercato cinese per procurarmi gli ingredienti per il thai party e , mentre girovagavo – completamente persa – tra gli scaffali con tutte scritte in cinese, ho trovato FINALMENTE al reparto frigo i flat rice noodles, le pappardelle di farina di riso che e’ difficile trovare nei comuni supermercati. E le ho dovute comprare!!! Perche’, se finora, ho potuto solo rrealizzare alcuni dei miei piatti favoriti thailandesi, come il panang curry o il pad thai, questo era uno dei piatti che potevo solo gustare al ristorante perche’ mi mancava la materia prima: i noodles!!!!

    I noodles ldi riso o vanno sbollentati in acqua o, come in questo caso, vanno ammorbiditi al microonde nella loro confezione sigillata per 5 minuti.

    Dopo aver fatto alcune ricerche ho optato per queste due ricette, che ho integrato: la prima ricetta (come racconta la stessa blogger) e’ autentica, perche’ imparata proprio in Thailandia; ma, siccome mi mancava la dark soy sauce,  che e’ densa quasi come uno sciroppo, ho usato la marinatura della seconda ricetta (che mi sembra la versione dei ristoranti americani) per ottenere la stessa consistenza. Di entrambe ho omesso le uova, che danno una maggiore cremosita’ al piatto. Se volete aggiungerle, dovete sbattere due uova e stir-fry dopo aver aggiunto la carne.

    Infine, potete sostituire il maiale con pollo o manzo o tofu se decidete per una versione vegetariana.

     

    Pad see ew (THAILAND)

    pad see ew 3

    Adapted from here and here

    • MARINATURA:
    • 1 cucchiaio oyster sauce
    • 2 cucchiai soy sauce
    • 1 cucchiaio zucchero di melassa

    Mescolate e tenete da parte.

    • 1 cucchiaio di olio di semi
    • 3 spicchi di aglio tritati finissimi
    • 250 – 300 grammi di maiale, affettato a strisce sottili
    • 1 manciata di fagiolini
    • 1 carota, julienned
    • 500 grammi flat rice noodles (non quelli secchi), ammordiditi
    • 1 cucchiaio di soy sauce
    • 1 and 1/2 cucchiai fish sauce
    • 1 mazzo di cavolo riccio ( o bok choy o broccolo calabrese), pulito e affettato

    Mettete la carne a marinare per almeno 30 minuti.

    Riscaldate il wok; poi aggiungete l’olio e rosolate l’aglio per 30 secondi. Versate le carote e stir-fry per un minuto; poi aggiungete i fagiolini e cuocete per un altro minuto, sempre mescolando. A questo punto mettete la carne con tutta la marinatura e continuate a mescolare finche’ la carne sara’ cotta. Infine, versatevi i noodles e fate amalgamare bene. Insaporite con un altro po’ di salsa di soia e fish sauce e, solo alal fine, aggiungetevi il cavolo e fate cuocere il tempo necessario che le foglie del caxvolo appassiscano.

    Servite con lime, thai chili sauce (per chi piace il piccante), soy sauce e fish sauce se a qualcuno piace extra condimento.

    • pad see ew 2

    5 febbraio 2013

    Happy birthday Claudia!!!!

     

    E a conclusione di una squisita e piccante cena thai, come dicevo, la torta !!! Si tratta di una torta al burro, tagliate in 3 strati, farcita di crema al burro profumata con sciroppo di cranberry fatto in casa e ciliege fabbri, ricoperta da mmf fondant, homemade anche questo.

     

    Torta Arabesque

    CIMG6882

     

    Per la base: yellow cake profumato all’essenza di mandorle

    Per la farcia: buttercream alla vaniglia con sciroppo di cranberry (potete sostituite con sciroppo di amarena)

    Per la copertura: mmf fondant

     

     

    CIMG6894

    Thai Party

     

    Durante il week-end ho avuto come ospite una mia cara amica, Claudia, che festeggiava il compleanno il 3 febbraio. L’ho conosciuta quasi 13 anni fa, iniziando a lavorare per lei come baby sitter per il suo bimbo di 7 mesi, mentre lei aspettava un altro bimbo, e sono stata con lei per quasi tre anni. Poi la sua famiglia si e’ trasferita e ci siamo un po’ perse di vista, ma siamo riuscite a ritrovarci ed ogni tanto organizziamo dei week-end assieme.

    Siccome lei adora la cucina tailandese, ma non sa come cucinarla, le ho organizzato una cooking class di cucina tailandese con tanto di cena per il suo compleanno. Ci siamo divertite un sacco e, alla fine, abbiamo assaporato i piatti preparati e …la torta a sorpresa!

    Le ricette scelte sono quelle che piu’ facilmente si trovano nei ristoranti thai qui negli Usa: i summer roll e , tra i vari curry, abbiamo optato per il panang curry, quello fatto con le arachidi per intenderci, ma invece del manzo abbiamo usato della carne di maiale!!! Tra l’altro sono anche le mie ricette preferite, che ho gia’ pubblicato, quindi saranno un buon refresher!!!! I summer rolls (che piu’ che thai sono vietnamiti, ma li servono identici nei thai restaurants…) li ho un po’ modificati dalla ricetta precedente, per cui ve li riporto di nuovo, con le foto (le foto sono state scattate in passato) per i passaggi della preparazione:

     

    Summer rolls with peanut sauce

    CIMG6872

     

    12 fogli di riso

    24 gamberi medi, cotti e tagliati a meta’ nel senso dlla lunghezza (ve ne servono due interi per involtino)

    basilico fresco (2 foglie larghe per involtino)

    cilantro fresco a piacere

    menta fresca

    cipolline fresche, solo lo stelo

    1/2 cetriolo

    germogli di soia q.b.

    spaghettini di riso, ammollati in acqu acalda per 10 minuti e poi scolati

     

    Prendete un foglio di riso e spruzzatelo con acqua calda o immergetelo velocemente in una ciotola di acqua calda. Stendetelo su un tagliere

     

    IMG_0088

     

    I gamberi potete scegliere di metterli alla fine, come nelle foto, o all’inizio, ma vi diro’ che forse mettendoli all’inizio e’ piu’ facile. Quindi.. sistemate 4 mezzi gamberi sul foglio, poi mettete le foglie di basilico, la menta, il cilantro, uno stelo di cipollina fresca, i germogli, gli spaghettini e coprite con la parte lunga del foglio di riso che si trova piu’ vicino a voi.

     

    IMG_0089

    Piegate i lati e, cercando di stringere il piu’ possibile, arrotolate l’involtino ben stretto.

    IMG_0090

    Nella foto sopra, come vedete mancano i gamberi, perche’ – se non li mettete all’inizio – potreste anche metterli ora, dopo aver piegato i due lat, appoggiandoli sopra due fogli di erba fresca (menta o basilico), e poi richiudendo completamente l’involtino. In entrambi i casi, lo scopo e’ di far vedere i gamberi. Nel caso siate vegetariani o non vi piacciano i gamberi, potete sostituire con tofu.

    IMG_0091

    Peanut sauce:

    • 3/4 tazza di burro di arachidi (io scelgo sempre quello cruchy)
    • 1/3 tazza acqua calda
    • 3 cucchiai hoisin sauce
    • 2 cucchiai di succo di lime
    • 4 1/2 cucchiaini soy sauce
    • 1 cucchiaio di zucchero
    • 2 1/4 cucchiaini chile-garlic paste
    • 1 spicchio di aglio, tritato finissimo
    • 1/2 cucchiaino di olio di sesami tostati

    Mescolare tutti gli ingredienti, aggiugnendo se necessario piu’ acquaper ottnere una salsina fluida ed omogenea.

    Potete servirli interi, o tagliati in diagonale a meta’, accompagnati dalla salsina

    photo (21)

     

    Dopo aver preparato i summer rolls, copriteli con un telo bagnato e strizzato, cosi’ non si asciugheranno.

    E, come dicevo, prima abbiamo preparato gli involtini, e poi abibamo cucinato il pork panang curry, la cui ricetta la trovata qua, e che puo’ essere fatta con pollo (molto piu’ veloce come preparazione), col manzo o col maiale

    CIMG6873

    E poi non poteva mancare la torta a sopresa (niente a che fare con la cucina thailandese, pero’)… prossimo post!!!!

     

    Happy Birthday Claudia!!!

    4 febbraio 2013

    Basta un poco di zucchero…

     

    … filato naturalmente!!! A chi non piace lo zucchero filato? Penso a nessuno!!! Figuriamo se non piace ai bambini. Quindi, se devo fare i cupcakes per degli angioletti di due anni la prima cosa che mi viene in mente e’ lo zucchero filato e, grazie alla Duncan, adesso e’ possibile anche creare i cupcakes (o qualsiasi dolce) al sapore di cupcakes con queste bustine di polverina magica, che ricrea esattamente il sapore, in questo caso, dello zucchero filato, ma anche delle famose gomme da masticare rosa, dell’apple pie, del pumpkin pie ed altri tanti ancora!!!!

    Sia chiaro che non sto pubblicizando la Duncan per promozione o altro, ma – purtroppo – nel caso di questa ricetta, e’ l’ingrediente chiave, senza il quale avreste un regalare, per quanto buono, buttercream alla vaniglia!

    I cupcakes al cotton candy dovevano contornare il trenino per Baby D. . Originariamente avrei voluto mettere sopra il frosting dei cupcakes un po’ di zucchero filato, che qui vendono in buste, nei colori rosa, azzurro e lavanda; ma, a quanto pare, e’ un prodotto stagionale/estivo, per cui non l’ho trovato (che poi il giorno dopo – quando non mi serviva piu’ – me lo son trovato davanti in un altro supermercato, e’ un’altra storia..) ed ho pensato di creare dei finti bastoncini di zucchero filato, mettendo un cuore di mrshmellow su uno stecchino e poi aggiungere un po’ di sprinkles sul cuoricino per renderlo fancy!! E il risultato mi e’ piaciuto tanto… e i bambini si sono leccati i baffini!!!

     

    Cupcakes al cotton candy

    CIMG6787

    Per la base dei cupcakes ho usato questa ricetta di yellow cake.

    Per il frosting buttercream alla vaniglia arricchito da una bustina di Duncan Frosting Creations al cotton candy (che impartisce colore e sapore allo stesso tempo)

    Ed ora tutti in fila sul trenino… choo choo

    CIMG6818

    1 febbraio 2013

    Choo-choo … Baby D. is two!!!!

     

    E forse dovrei smetterlo di chiamarlo Baby!!!! Oggi il mio piccolo amore compie due anni ed incominciano i terribili due (come dicono qua), anche se ho l’impresssione che noi abbiamo cominciato da tempo… Comunque…per festeggiare come si deve, ho fatto la torta a trenino con tanti cupcakes da portare a scuola ai suoi piccoli amichetti (proprio come la nonna faceva con la mamma!!!). All’inizio avevo pensato di ricreare Thomas, siccome abbiamo 22 trenini – per ora della serie Thomas – e 3 piste. Ma poi, ho pensato di sbizzarrirmi e creare qualcosa di piu’ personale e colorato ed e’ uscito fuori il trenino dei cupcakes!!! E’ una soddisfazione vedere il; proprio bimbo guardare la torta che gli ha fatto con tanto amore e sentirgli dire, per la prima volta, “Bello!!!!”. Niente ti fa sciogliere il cuore come questi momenti!!!

    Il trenino dei cupcakes

     

    CIMG6818

    Il trenino e’ composto da:

     

    CIMG6791

    Buon Compleanno amore mio piccolo

    che la tua vita sia dolce e gioiosa come sei tu.

     

    CIMG6789

    LinkWithin

    Related Posts with Thumbnails

    That's us!