31 gennaio 2015

Le madeleines

 

Le madeleines sono un dolce che mi ha sempre incuriosito. Da bambina ho avuto occasione di mangiare quelle piccole in busta, tanto burrose. Poi , col tempo e col blog, mi sono imbattuta in tante ricette e finalmente mi sono decisa: dovevo provarle a fare.

La prima ricetta e’ quelal che mi e’ piaciuta di piu’; quella di Pinella e’ molto simile ad un ciambellone morbidissimo, mentre l’ultima e’ densa e burrosa, un po’ come quelle che mangiavo da piccola che profumavano tanto di mandrola!

Quindi, se volete sbizzarrirvi in cucina, provate le tre versioni e scegliete la vostra!

Non c’e’ bisogno d idire che ci vuole lo stampo apposito epr madeleine, quello a forma di conchiglie; ma nel caso non lo avesse, non vi avvilte ed usate uno stampo per muffin,o meglio ancora, per mini muffin

 

Madeleines (Francia)

DSC01953-001

MADELEINS di Susan Mahut

(ricetta sempre presa dal blog di Pinella)


150 g di farina 00
125 g di burro morbido –>  io l'ho sciolto
150 g di zucchero
2 uova grandi
2 cucchiai di latte
1 cucchiaino da caffè di lievito chimico per dolci
2 cucchiain di estratto di mandorle (mia aggiunta)


Montare a spuma soffice le uova con lo zucchero. Setacciare la farina insieme al lievito, aggiungerla al composto di uova a cucchiaiate mescolando bene dopo ogni aggiunta. Incorporare il burro molto morbido ed il latte. A questo punto, inserire l’ingrediente prescelto per aromatizzare l’impasto. Lasciar riposare l’impasto in frigorifero per almeno 30 minuti.
Imburrare ed infarinare uno stampo da madeleines oppure, in alternativa, utilizzare uno stampo in silicone che evita il progressivo rivestimento di burro dello stampo e non fa attaccare i dolci alla placca.
Versare un cucchiaino di impasto in ogni impronta . Infornare ad alta temperatura, 200-220°C a seconda del forno, per circa 3-4 minuti. Ciò crea uno shock termico che consente il rigonfiamento ottimale del dolcino. Tuttavia, dopo tale tempo occorre diminuire la temperatura fino a 170-180°C per continuare la cottura per altri 3-6 minuti. Ognuno, regoli temperature e tempi di cottura a seconda del proprio forno.
A cottura ultimata, estrarre le madeleines e farle raffreddare su una griglia.


- per ottenere un impasto ottimale, il riposo in frigo e' necessario; io ho conservato l'impasto per piu' di mezz'ora (male non fa)
- per evitare che le madeleines attacchino allo stampo di alluminio, dopo aver imburrato ed infarinato, mettere la teglia in FRIGO per 5-10 minuti
- mettere l'impasto ed infornare a 200 gr per 4 minuti, poi a 180 per altri 3, aprendo lo sportello per far abbassare la temperatura piu' in fretta, altrimenti diventano troppo colorite.
- appena sfornate, rimuoverle dalla teglia (almeno a me funziona cosi', altrimenti attaccano!!!)

Variante non tradizionale alla banana e gocce di cioccolato: schiacciate una banana ben matura ed aggiungetela delicatamente all’impasto. Infarinate le gocce di cioccolato e mettetele per ultimo nell’impasto

 

Madeleines di Pinella

 

CIMG0769

Dosi per 6 persone


3 uova
130 gr di zucchero
150 gr di farina
125 gr di margarina
20 gr di miele liquido
5 gr di lievito in polvere
scorza grattugiata di 1/2 arancia o di 1/2 limone
un pizzico di sale


Per la perfetta riuscita di questi dolcetti e' consigliabile preparare l'impasto il giorno prima di cuocerli.
Mettete la margarina in una casseruolina e fatela fondere a bagno maria.Toglietela dal fuoco e lasciatela raffreddare a temperatura ambiente.Sgusciate Ie uova, unite un pizzico di sale, lo zucchero e il miele e lavorate fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso.Setacciate la farina insieme allievito e versatela sui miscuglio di uova montate, mescolando con un cucchiaio di legno. Aggiungete la margarina fusa, versandola a filo e continuando a mescolare fino ad ottenere un composto liscio e omogeneo. Profumate con la scorza grattugiata dell'agrume prescelto. Coprite con pellicola e mettete nella parte meno fredda del frigo.
II giorno dopo scaldate il forno a 180 °C. Imburrate uno stampo multiplo per madeleines, versatevi il composto riempiendo gli incavi per 2/3. Infornate per circa 10 minuti, fino a quando i dolcetti si presenteranno dorati e sodi al tatto. Sfornate, lasciate asciugare le madeleines.

Questa e’ la foto dell’alveolatura delle madeleines di Pinella

madeleines

 

Variante non tradizionale:  questo impasto ho aggiunto un cucchiano di caffe' in polvere alla farina ed un cucchiaino di estratto di caffe' all'impasto finale. Poi ho intinto meta’ delle madeleines nel cioccolato.

 

Madeleines di Alda Muratori

Queste definitivamente si avvicinano di piu’ a quelle che mangiavo da piccola, perche’ sono piu’ dense e burrose.

 

125 g farina,
125 g burro fuso,
2 uova,
1 presa di sale,
125 g zucchero,
buccia limone o arancio grattugiato, oppure (meglio) un cucchiaino d'acqua ai fiori d'arancio.


Mescolare rapidamente le uova con lo zucchero (non montarle) e con la farina, le uova nonvanno montate come si farebbe per il pan di Spagna, le lavorate quel tanto che basta per
sciogliere lo zucchero, prima di aggiungere sempre battendo gli altri ingredienti. Come si faper il 4/4 per intenderci; quando l'impasto è liscio aggiungere il burro. Imburrare gli appositi
stampini e riempirli per 3/4. Cuocere in forno a 150/170°C fino a che sono dorate. Sipossono fare anche al cioccolato.

variante alle mandorle:
125 g zucchero,
125 g burro,
3 uova intere,
60 g mandorle tritate finissime,
un cucchiaino di acqua ai fiori d'arancio.

 

Se volete fare un regalo homemade, questi dolcini sono perfetti: incartateli in una scatola di latta o di cartone, chiudeteli bene e regalateli con amore!

IMG_1721

This work is licensed under a Creative Commons license.

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails

That's us!